Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
lun, 20 nov  2017 
time
12:53
NEWS PPN  
Salute - Carcinoma epatocellulare, raggiunto l'endpoint primario di sopravvivenza globale per i pazienti
Roma, 17 ott (Prima Pagina News) Ipsen (Euronext: IPN; ADR: IPSEY) e il suo partner Exelixis (NASDAQ: EXEL) hanno annunciato che lo studio global CELESTIAL di fase 3 ha raggiunto l’endpoint primario di Sopravvivenza Globale (OS), con cabozantinib che ha ottenuto un risultato in termini di mediana di Sopravvivenza Globale statisticamente e clinicamente significativo in confronto al placebo nei pazienti affetti da carcinoma epatocellulare avanzato (HCC). Il Comitato Indipendente incaricato della revisione dei dati dello studio ha raccomandato l’interruzione dello stesso per efficacia a seguito della revisione della seconda analisi ad interim pre-pianificata. CELESTIAL è uno studio randomizzato internazionale di fase 3 con cabozantinib vs placebo nei pazienti affetti da HCC precedentemente trattati con sorafenib. I dati di sicurezza sono coerenti con il profilo di tollerabilità di cabozantinib già evidenziato. In accordo con Exelixis, Ipsen ha pianificato di presentare nella prima metà del 2018 una variazione della iniziale applicazione all'EMA e alle altre agenzie regolatore e di valutare i prossimi passi per lo sviluppo strategico di cabozantinib al di fuori degli Stati Uniti e Giappone come trattamento dei pazienti affetti da HCC che abbiano ricevuto un precedente trattamento. I risultati completi di CELESTIAL saranno presentati ai prossimi congressi medici. Alexandre Lebeaut, MD, Executive Vicepresident, R & S, Chief Scientific Officer di Ipsen, ha dichiarato: "Il tumore epatico è una delle principali cause di morte nel mondo che richiede urgentemente opzioni terapeutiche più efficaci. Siamo lieti di segnalare che nello studio clinico CELESTIAL il cabozantinib ha dimostrato un beneficio nella sopravvivenza e quindi i pazienti con carcinoma epatocellulare avanzato precedentemente trattati potranno beneficiare di una nuova opzione terapeutica per via orale”.

(PPN) 17 ott 2017  12:10