Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mer, 22 nov  2017 
time
08:18
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Cultura - Copyright, Confindustria Cultura Italia: Buon compromesso testo votato oggi
Roma, 9 lug (Prima Pagina News) “Un buon compromesso”: è questo il primo giudizio di Marco Polillo, presidente di Confindustria Cultura Italia, la Federazione italiana dell’Industria Culturale aderente a Confindustria, sul testo del cosiddetto Rapporto Reda approvato oggi dall'Aula di Strasburgo. “Apprezziamo - prosegue Polillo - il fatto che il diritto d’autore venga riconosciuto quale leva strategica per la promozione della creatività e stimolo all’innovazione. E’ stato pertanto smontato l’assunto, presente nella prima stesura formulata dal deputato Julia Reda del partito pirata, che l’attuale normativa sulla proprietà intellettuale costituisca un freno all’innovazione e un ostacolo allo sviluppo di nuovi modelli di business su internet. Creatori e Consumatori sono invece sulla stessa “barca” ed è interesse di produttori e autori migliorare l’accesso online ai contenuti culturali, senza per questo intaccare le licenze territoriali o ribaltare il quadro vigente in materia di eccezioni e limitazioni al diritto d’autore”. “La versione originale del Rapporto Reda - continua - era fortemente sbilanciata e ancorata a principi e presupposti che non avevano fondamento giuridico e di mercato. Il nuovo testo sottolinea come non sia più sostenibile l’imponente “value gap” tra le remunerazioni dei fornitori di servizi (provider, motori di ricerca, aggregatori, social network) da una parte e autori e industrie culturali dall’altra. Il Rapporto richiama anche la necessità che la Commissione svolga accurate analisi dell’impatto di eventuali nuove eccezioni al diritto d’autore”. “Siamo convinti inoltre – conclude Polillo - che si debba cogliere l’occasione del progetto sul Digital Single Market per potenziare l’enforcement dei diritti in quanto la pirateria è ancora un fenomeno illecito di proporzioni straordinarie. L’auspicio è che la Commissione possa fare tesoro di questo approfondimento, adottando dei provvedimenti che possano realmente rispondere alle necessità del mercato e valorizzare l’industria culturale europea”.

(PPN) 9 lug 2015  19:16