Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
sab, 19 ago  2017 
time
07:45
NEWS PPN  
Cultura - "Il paradosso del calabrone", il romanzo di Stefano Carboni (ed. Memori)
Roma, 30 set (Prima Pagina News) “Il paradosso del calabrone”, romanzo di Stefano Carboni è in libreria. Pubblicato da Memori, il libro è incentrato sulla figura di Luca Magrini, uomo intelligente e brillante che a quarantacinque anni, con una moglie, due figli adolescenti e un lavoro da sceneggiatore, si scopre improvvisamente serial killer. Ma Luca non è un assassino seriale come molti altri. Luca, infatti, uccide solo coloro che – secondo il suo metro di giudizio – sono vere e proprie “merde umane” e non meritano di vivere. Lui punisce gli arroganti, i prepotenti, i violenti; lui compie quelli che definisce atti di “pulizia etica”. Tutto procede alla perfezione e gli omicidi si susseguono senza che mai qualcuno abbia sospetti nei suoi confronti. Fino a quando compie un passo falso e si ritrova assediato dalla Polizia e con degli ostaggi. Potrebbe sembrare la fine ma in realtà è solo l’inizio. Perché Magrini, sfruttando le sue capacità di affabulatore, si esibisce in una lunga confessione live dei suoi delitti e in breve diventa un personaggio di culto, con tanto di seguaci e ammiratori. Ma anche di persone che vogliono vendicare le vittime dei suoi atti di “giustizia”. Sceneggiatore, scrittore, comunicatore, Stefano Carboni ha sempre fatto della scrittura il proprio mezzo di espressione; ora, attraverso la scrittura, dà vita a una storia che vi terrà con il fiato sospeso. “Una volta aperto il vaso di Pandora non si richiude facilmente. E’ vero, ho ucciso uomini e donne. Sensi di colpa? Mai. Per me si è sempre trattato di semplici atti di giustizia. Eppure per educazione e natura io non sono un violento. Ma è il paradosso del calabrone: vedi, quella bestiola, per la sua struttura, non potrebbe volere. Il corpo è troppo pesante rispetto alla ridotta superficie delle sue piccole ali. Non potrebbe proprio staccarsi da terra, non ne ha i mezzi. Ma non lo sa… e quindi vola. Io non avevo le caratteristiche dell’assassino, eppure…”. Stefano Carboni, “Il paradosso del calabrone”, Memori, luglio 2015, pp. 304, 19,50 euro, ISBN 9788899195198. #IlParadossodelCalabrone @ilparadosso_SC Pagina FB “Il paradosso del Calabrone”.

(PPN) 30 set 2015  15:32