Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
lun, 11 dic  2017 
time
19:58
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Pol - Lega Filo d'Oro, bene il disegno di legge sulla LIS italiana 2)
Roma, 11 ott (Prima Pagina News) La Lega del Filo d’Oro considera l’approvazione di oggi un primo passaggio fondamentale per garantire la piena tutela delle persone sordocieche e un passo in avanti per il raggiungimento del nostro obiettivo di sempre: far sì che queste persone trovino il loro posto nel mondo, sfruttando al massimo le proprie potenzialità e vivendo in modo quanto più possibile soddisfacente e attivo. Le riflessioni degli ultimi venti anni hanno portato, infatti, a modificare sostanzialmente il concetto di disabilità, considerando quest’ultima non più una condizione immutabile causata da un deficit di salute, ma come una restrizione dell’attività e della partecipazione legate sia alle condizioni di salute sia alla mancanza di supporti e interventi finalizzati a ripristinare le normali performance di un individuo. In Italia le persone affette da problematiche legate sia alla vista che all’udito sono 189 mila (pari allo 0,3% della popolazione italiana). E se è vero che “libertà è partecipazione”, purtroppo questo discorso non vale per tutti. Infatti, per il 57,1% dei sordociechi uscire di casa rappresenta un problema a volte insormontabile che li spinge verso una condizione di completo isolamento, anche affettivo. Secondo quanto emerso dall’indagine ISTAT, il grado di partecipazione sociale risulta gravemente compromesso per le persone con problemi sensoriali, che necessitano di avere una persona di contatto, un interprete e degli aiuti specifici per comunicare con il mondo esterno. Fattori che rendono ancora più complessa e piena di ostacoli la vita di queste persone, precludendo quasi totalmente la possibilità di una dimensione sociale attiva. Per questo motivo un percorso volto all’indipendenza richiede, soprattutto nel caso di bambini e ragazzi, un impegno interdisciplinare individuale che agisca sulla potenzialità residuale, in grado di educarli e reinserirli sia nella famiglia che nella società, stabilendo una comunicazione con gli altri e la realtà circostante.

(PPN) 11 ott 2017  12:35