Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
lun, 25 set  2017 
time
22:22
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Lazio - Liste di attesa, la Asl Rmg rivoluziona il servizio di prenotazione
Roma, 7 apr (Prima Pagina News) Chi deve svolgere controlli sanitari urgenti ha la priorità. Due le parole d’ordine della Asl Rmg alla base del grande lavoro per l'abbattimento delle liste di attesa: prioritarizzazione delle richieste e contemporanea riorganizzazione delle agende Cup. Il tutto per offrire la giusta risposta ai cittadini. Il protocollo per il nuovo sistema di prenotazione è già attivo e si stanno concludendo gli incontri in Regione. “Per quanto riguarda le politiche che sta attuando la Asl Rmg per l'abbattimento delle liste di attesa - spiega il direttore generale della Asl Rmg, Giuseppe Caroli - , stiamo operando tanto sul governo della domanda quanto sull'aumento e l’ottimizzazione delle prestazioni. Sul lato della domanda sono in atto i protocolli regionali con i Medici di Medicina Generale (MMG) per la corretta prioritarizzazione delle richieste e, contemporaneamente, stiamo riorganizzando le agende Cup per offrire la giusta risposta ai cittadini. La Asl Rmg raccoglie 800mila prenotazioni ogni anno. Siamo voluti partire proprio dalla base – conclude Caroli -, cioè da chi prescrive le prestazioni. Spetta ora ai Medici di Medicina Generale scrivere nella ricetta la reale urgenza della richiesta, quantificandola anche in giorni, che sarà recepita dal Cup che d’ora in poi riorganizzerà le agende per “priorità”. Per evitare malfunzionamenti di questo nuovo sistema ed errate prescrizioni, saranno attivate delle apposite commissioni di controllo. Ad aggravare il problema delle lunghe liste d’attesa c’è poi da affrontare anche l’elevato numero di pazienti che non si presentano: “Sarà attivato un servizio di recall, di richiamata, pochi giorni prima degli appuntamenti per confermarli – ha aggiunto il direttore generale -. Ogni anno il 10%, circa, di chi prenota una visita o un esame poi non si presenta, in questo modo recupereremo circa 8 mila prestazioni”. Per incrementare il numero delle prestazioni degli specialisti aziendali sta andando avanti la ridefinizione degli obiettivi aziendali assegnati alle strutture operative; l'utilizzo della contrattazione per budget nelle forme contrattualmente previste e l'utilizzo di tutti i fondi disponibili. Per gli specialisti convenzionati "l'incentivazione" che criticano alcune sigle sindacali non è un atto unilaterale ma discende proprio da accordi collettivi sindacali nazionali e regionali che non fissano parametri di visite/ora ma, per gli specialisti, lasciano ampia discrezionalità. Gli stessi accordi sindacali specificano poi che si devono fare altri accordi sindacali aziendali. Il "nocciolo" della questione è quindi proprio di natura sindacale e loro stessi potrebbero facilitarne la soluzione. “L'azienda – spiega Caroli - ha dovuto quindi contrattare (e non decidere autonomamente), ottenendo comunque un buon risultato con l'aumento del 25%, 3 overbooking ed altri miglioramenti. Sono sempre disposto al confronto serio e costruttivo con i sindacati per migliorare il servizio rivolto alle persone da questa azienda ma non mi presto a inutili strumentalizzazioni”.

(PPN) 7 apr 2015  12:47