Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
lun, 11 dic  2017 
time
17:49
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Lazio - Roma, polizia di Stato: operazione "Prometeo"
Roma, 14 lug (Prima Pagina News) Un’operazione su vasta scala messa in atto dalla Polizia di Stato in stretta sinergia con Poste Italiane S.p.A. sul fronte dei reati in danno dello stesso Ente, e che ha interessato diverse province del territorio nazionale. Già nei giorni scorsi si sono registrati in Abruzzo e in Liguria i primi risultati: a Teramo, il primo episodio, dove sono stati denunciati due napoletani, un uomo e una donna, che tentavano di attivare un libretto di risparmio attraverso documenti di identità contraffatti, sul quale versare un assegno bancario verosimilmente sottratto dal circuito postale. Un altro episodio era emerso nella provincia di La Spezia dove la Polizia di Stato ha arrestato una 25enne accusata di aver utilizzato anch’essa documenti falsi per aprire un conto corrente presso un Istituto di credito cittadino ove depositare un assegno risultato poi essere oggetto di furto. A Roma poi l’operazione più massiccia: oltre 650.000 euro sottratti a correntisti di Poste Italiane ad opera di una strutturata organizzazione criminale sgominata dalla Polizia di Stato nella giornata di ieri, dopo una lunga attività d’indagine svolta dal Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma. Un prezioso contributo nell’indagine è stato fornito dalla struttura aziendale di Poste Italiane, che ha permesso di scoprire l’azione criminale di alcuni dipendenti infedeli i quali, accedendo alle banche dati, individuavano i conti correnti più "appetibili" con maggiore disponibilità economica. Gli stessi si impossessavano di copie di documenti d’identità degli ignari titolari, di copie degli specimen di firma depositati nonché di numerazioni degli assegni in dotazione ma non ancora utilizzati, dirottando consistenti somme di denaro con diverse operazioni fraudolente. Nel corso delle indagini è stata infatti accertata la clonazione e riscossione in frode di assegni postali, buoni postali fruttiferi del vecchio tipo e libretti postali a risparmio. (segue)

(PPN) 14 lug 2015  17:58