Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mar, 26 set  2017 
time
14:41
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Lazio - DAP, firma protocollo casa famiglia protetta Roma
Roma, 28 ott (Prima Pagina News) Il Capo del DAP Santi Consolo, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Roma Francesca Danese e il Segretario Generale Fondazione Poste Insieme Onlus, promossa da Poste Italiane, Massimiliano Monnanni, hanno sottoscritto ieri mattina, presso la sede del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, il protocollo d’intesa per l’avvio del progetto della Casa Famiglia protetta del Comune di Roma. A pochi giorni dal sopralluogo effettuato da Santi Consolo e da Francesca Danese nella villa sottratta alla criminalità organizzata, sita a Roma in via Kenya 72, per verificare l’idoneità della struttura destinata ad accogliere la prima Casa Famiglia protetta, il protocollo formalizza l’impegno dei sottoscrittori per il completamento delle procedure di apertura nei tempi stabiliti dal cronoprogramma già concordato. Il risultato è stato ottenuto in tempi record grazie alla proficua collaborazione e alla condivisione di intenti tra Dap, Comune di Roma e Fondazione Poste Insieme Onlus. L’impegno tra le parti attribuisce al DAP le procedure per la segnalazione al Comune di Roma dei nominativi delle persone alla detenzione o agli arresti domiciliari da inserire nel progetto (che saranno poi ammessi con provvedimento del Tribunale di Sorveglianza) e ogni necessario supporto per l’accoglienza e la gestione delle misure. Nella fase iniziale l’Amministrazione Penitenziaria impiega detenuti in art. 21 O.P. per la pulizia della struttura e degli spazi verdi e per piccoli interventi di manutenzione. Il Comune di Roma, attraverso il Dipartimento Politiche Sociali e Sussidiarietà, si impegna a rendere operativa la struttura di accoglienza e provvede alla gestione e al controllo delle attività. La Fondazione Poste Insieme Onlus concorre alla copertura delle spese di gestione della struttura con un finanziamento di 150.000 euro per il 2015 con la previsione di ulteriori stanziamenti. La Casa famiglia protetta è stata intitolata a Leda Colombini.

(PPN) 28 ott 2015  16:17