Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mar, 17 ott  2017 
time
09:51
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Lazio - Campidoglio, Mollicone: No alla Renzicrazia
Roma, 2 nov (Prima Pagina News) Rispettiamo il ruolo del prefetto Tronca, ma da come si stanno prefigurando le nomine è chiaro che tutto sarà tranne che una governance tecnica. Rischiamo che il dream team altro non sarà che un governo della Capitale d'Italia senza il consenso popolare. Una simmetria perfetta con il governo nazionale conquistato senza la certificazione del popolo. Insomma una "renzicrazia" che sostituisce la democrazia elettorale. E a guardare i nomi che girano sui quotidiani si capisce anche il disegno generale. Alla cultura, ad esempio, andrebbe Carlo Fuortes - che deve la sua prima nomina a Bettini e Veltroni - per gestire l'assessorato alla Cultura che eroga i fondi al Teatro dell'Opera di cui è Sovrintendente (a 240.000 euro l'anno al doppio del Sovrintendente precedente). Insomma, controllore e controllato coinciderebbero, ma siamo certi che Fuortes non lascerebbe il suo dorato incarico per quello di sub commissario, evidentemente incompatibili. Oltretutto Fuortes, che viene incensato come il Re Mida delle istituzioni culturali, in realtà prima "interpretò" i risultati di biglietteria dell'Auditorium - e noi lo denunciammo - poi lasciò un milione di "buco" al Petruzzelli di Bari e, infine, ha snaturato il palinsesto lirico del Teatro dell'Opera distruggendone l'immagine internazionale anche con il pasticcio dei lavoratori prima licenziati e poi riassunti a stipendi ridottissimi. Serviva forse per raddoppiarsi l'indennità. Silvia Scozzese e Alfonso Sabella, poi, sono stati nella giunta politica di Ignazio Marino. Come fanno ad essere considerati tecnici super partes? Insomma, ci chiediamo se in Italia esista un'autorità terza che faccia rispettare la legge, che prevede che il commissario di Roma sia nominato per l'ordinario, mentre i sub commissari, che in passato neanche si conoscevano, siano scelti tra i funzionari prefettizi solo per mandare avanti la macchina fino alle elezioni. Non per governare politicamente adempiendo ai diktat di un Presidente del Consiglio non scelto attraverso le urne. "Toc toc" Presidente Mattarella, se ci sei batti un colpo. Così in una nota il responsabile nazionale della Comunicazione FDIAN, Federico Mollicone.

(PPN) 2 nov 2015  14:12