Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
dom, 24 set  2017 
time
14:20
NEWS PPN  
Lazio - Frascati, quattro rate per pagare la Tari 2016
Roma, 5 gen (Prima Pagina News) A Frascati la Tari 2016 si pagherà in quattro rate, senza che siano aumentati i costi dell’imposta comunale, che copre il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. La decisione dell’Amministrazione Comunale è stata presa per venire incontro alle esigenze di molti cittadini che vedranno così ridurre gli importi di ogni singolo bollettino. L’Amministrazione Comunale di Frascati infatti, con la Delibera di Giunta n. 162 del 19/11/2015, ha deciso di portare da tre a quattro le rate per il pagamento della Tassa Rifiuti, che in tempi recenti ha sostituito la Tarsu, senza aumentarne l’importo. Le scadenza sono previste per il 15 gennaio, il 15 aprile, il 15 luglio e il 15 ottobre 2016. Le prime tre rate sono elaborate in acconto applicando le tariffe vigenti al 31/12/2015 ai fini Tari, oltre il Tributo Provinciale. L’ultima rata sarà a saldo e conguaglio sulla base dell’importo annuo dovuto a titolo di Tari 2016, tenuto conto delle tariffe definitive che saranno stabilite con apposita Delibera Comunale, dal quale saranno scomputati i pagamenti delle tre precedenti rate. «La decisione presa dalla Giunta Comunale va incontro alle esigenze di molti cittadini, che ci hanno chiesto di alleggerire le singole rate della Tari, per questo abbiamo voluto aumentare il numero dei bollettini lasciando invariata la somma totale - dichiara l’Assessore all’Ambiente Simone Carboni -. Stiamo anche lavorando affinché la tariffa della Tari, la Tassa Rifiuti, possa diminuire, ma questo sarà possibile solo se i cittadini saranno sempre più sensibili al concetto di differenziata, iniziando a separare con maggiore cura i vari rifiuti. Per il Comune di Frascati aumentare anche solo del 10% la percentuale di differenziata apporterebbe una notevole riduzione dei prezzi del conferimento in discarica, abbassando in maniera sensibile i costi dell’imposta per famiglia e rendendo il nostro ente rispettoso dell'ambiente».

(PPN) 5 gen 2016  13:32