Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
mar, 12 dic  2017 
time
07:46
NEWS PPN  
Lazio - Porto di Civitavecchia, tra crociere ed export boom per l'economia del mare
Roma, 11 ott (Prima Pagina News) L'occasione ha rilanciato le potenzialità del porto di Civitavecchia .Civitavecchia è il primo porto crocieristico d’Italia ed un punto di riferimento per il Turismo nazionale; con oltre 2,3 milioni di crocieristi è anche il secondo in Europa. È la «porta» di accesso marittimo alla Capitale. Civitavecchia è infatti localizzata in posizione strategica considerando anche l’impianto ferroviario attuale costituito dalle linee ad alta velocità che consentono di raggiungere Napoli in un’ora e Firenze in un’ora e mezza. Anche nel 2017 sono previsti arrivi per oltre due milioni di crocieristi; valore che in Europa condivide solo con Barcellona. È da segnalare che Civitavecchia nel 2000 totalizzava 392.000 crocieristi ed oggi ne conta 2,3 milioni. Il porto di Civitavecchia conta la presenza di compagnie armatoriali che nel settore delle crociere rappresentano il 50% del mercato nel Mediterraneo. (Il terminal crociere di Civitavecchia: il Roma Cruise Terminal (RCT), è una società formata dai big del settore si tratta di Costa Crociere, MSC e Royal Caribbean Cruises). Roma accoglie ogni anno circa 10 milioni di turisti e quindi Civitavecchia ne rappresenta il naturale sbocco per la via marittima. La destagionalizzazione delle crociere, garantita anche dalle attrazioni culturali e enogastronomiche oltre che dal balneare è, inoltre, un segnale positivo per il territorio. Anche il Traffico Passeggeri e Merci hanno un valore importante . Il porto, per numero di passeggeri, è al 7° posto in Italia con 1,8 milioni di persone; in aumento dell’8% rispetto al 2015. Anche al 1 semestre 2017 sul precedente, la variazione è positiva (+4,8%). Nel complesso Civitavecchia al 2016 ha gestito 16,8 milioni di tonnellate di merci in aumento del 6,4% negli ultimi 4 anni. Nel 1° semestre sono quasi 8 milioni di tonnellate movimentate. Nell’ambito del traffico merci la quota maggiore è costituita dalle rinfuse solide che coprono il 36% del totale, seguite dalle liquide con il 32% del totale e dal Ro-Ro (Roll-on Roll-off, vale a dire navi specializzate nel trasporto di autovetture e mezzi pesanti gommati) con il 28%, mentre una quota residuale è coperta dalle merci in container (4%). Nel segmento del Il Ro-Ro con quasi 5 milioni di tonnellate il porto ha registrato buone performance con un incremento di traffico del 16% negli ultimi 5 anni. Inoltre, al primo semestre 2017 registra già 2,3 milioni di tonnellate. Nel segmento Civitavecchia presenta, ad esempio, collegamenti sia con i porti mediterranei (es. Barcellona, Tunisi e Malta) sia con quelli extra mediterranei (come ad es. New York).

(PPN) 11 ott 2017  13:17