Direttore responsabile Maurizio Pizzuto
Chinese (Traditional) English French German Italian Romanian Russian Spanish
rss feed
PPN widget
gio, 19 ott  2017 
time
14:51
  > TUTTE LE NEWS
 
NEWS PPN  
Tur - Novità 2015 della Maison Charles Heidsieck: Rosè Vintage 2006, armonico e delicato
Roma, 9 lug (Prima Pagina News) Charles Heidsieck, Maison de Champagne fondata a Reims nel 1851 da Charles Heidsieck, presenta la novità 2015: il Rosé Vintage 2006, armonico e delicato, di una raffinatezza ineguagliabile. Lo Champagne Charles Heidsieck è distribuito in Italia da Philarmonica, la società di distribuzione creata nel 2002 da Guido Folonari, che si occupa della selezione e della distribuzione in esclusiva per l’Italia di champagne, vini nazionali e d’importazione, birre artigianali e distillati di eccellenza nel canale HORECA. Il Rosé Vintage 2006 si presenta con una bella veste rosa pallido dai riflessi ambrati, che ricorda la buccia di un’albicocca, sostenuta da un perlage raffinato, di una finezza incomparabile. Molto profumato, al naso si esprimono allo stesso tempo la potenza e la consistenza di questo grande rosé. I Pinot Noir vinificati in rosso gli conferiscono netti aromi di marmellata di fragole e frutta candita, uniti a profumi di spezie dolci, come la cannella, di miele, cardamomo e praline. In un simile viaggio di sapori, il palato è avvolto da una sensazione untuosa di prugna. Questo vino sviluppa una consistenza setosa, che ricorda una torta di fichi e pinoli, aprendosi altresì ai sentori di pasticceria. Si rivelano poi aromi speziati di liquirizia e cumino. Il finale è caldo, rotondo, caratterizzato da note generose di tè alla mora selvatica, ciliegia, piccole bacche rosse e fichi freschi. Un sapiente assemblaggio elaborato con il 63% di Pinot Noir (di cui un 8% vinificato in rosso), in prevalenza della Montagne de Reims, e il 37% di Chardonnay dei migliori villaggi della Côte des Blancs, per un totale di 15 selezionatissimi cru. La cuvée Rosé Vintage della Maison Charles Heidsieck si caratterizza per un affinamento in bottiglia sur lies di circa 10 anni e riposa in seguito 9 mesi in bottiglia prima di fare la sua uscita sul mercato. L’annata vinicola 2006 è da considerarsi allo stesso livello della 2005, entrambe vendemmie ottimali sia quantitativamente che qualitativamente. Le uve hanno raggiunto un grado di maturazione sopra la media, arrivando pertanto ad avere un livello di acidità leggermente meno elevato rispetto al 2005, con un grado medio potenziale di 10,1g/l, contro i 9,6g/l dell’annata precedente. Gli Chardonnay inizialmente appaiono relativamente chiusi, ma si aprono velocemente per offrire aromi ricchi e complessi. I Pinot Noir si distinguono per la loro ricchezza e sviluppano note di piccoli frutti rossi. I Pinot Meunier coniugano finezza e morbidezza. Il tutto lascia presagire vini equilibrati, vinosi e strutturati, che racchiudono senza dubbio gli attributi qualitativi necessari all’elaborazione di una cuvée millesimata di altissimo spessore. Il prezzo al pubblico è di € 120,00. Per la seconda volta nella storia della Maison Charles Heidsieck, lo Chef de Caves ha deciso di degorgiare il Rosé Vintage 2006 prima del prossimo rosé millesimato in uscita sul mercato: un 2005. Una decisione dovuta alla bella complessità che offre già ad oggi il 2006. Prima di esprimersi pienamente, questo grande rosé ha affinato quasi 10 anni sui lieviti nell’oscurità delle crayères ultramillenarie della Maison, ad una temperatura costante di 10°C. Il Rosé Vintage 2006 ha infine riposato 9 mesi dopo la sboccatura, per perfezionare la sua profondità e raggiungere un grande equilibrio. Un richiamo alla pazienza e alla serenità: il 2005 potrà attendere ancora un po’. Thierry Roset, Chef de Caves per 25 anni della Maison Charles Heidsieck, scomparso lo scorso ottobre e sostituito dal nuovo Chef de Caves della Maison Cyril Brun, ha commentato il Rosé Vintage 2006 in questo modo: «Aromi primari gourmand e una bella espressività. Ritroviamo nel Rosé Millesimato Charles Heidsieck un buon equilibrio tra freschezza e complessità, qualità che ne assicurano una grande longevità. Al fine dell’assemblaggio di questa cuvée, sono stati meticolosamente selezionati 15 dei 320 cru della Champagne,tra i quali Oger, Mesnil-sur-Oger, Cramant, Vertus, Avenay, Louvois, Tauxières, Ambonnay, Aӱ…». (segue)

(PPN) 9 lug 2015  14:52