Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
“Domus d’Arte” da domani alla Domus San Sebastiano, fosse Ardeatine, una rassegna unica nel suo genere

“Domus d’Arte” è una mostra particolare, allestita appositamente per l’esposizione delle opere pittoriche, scultoree e fotografiche di artisti importanti, già ben affermati e presenti nell’immaginario degli amanti e dei collezionisti di opere d’arte.

di Rosario Sprovieri
Sabato 18 Luglio 2020
Roma - 18 lug 2020 (Prima Pagina News)

“Domus d’Arte” è una mostra particolare, allestita appositamente per l’esposizione delle opere pittoriche, scultoree e fotografiche di artisti importanti, già ben affermati e presenti nell’immaginario degli amanti e dei collezionisti di opere d’arte.

L’appuntamento imperdibile è per domani Domenica 19 Luglio 2020 presso la Domus San Sebastiano in Via di S. Sebastiano, 9 - a pochi metri dalle Fosse Ardeatine – all’interno di uno scenario suggestivo, tutto immerso in una isola verde,e delle Grottemillenarie nel cuore di Roma. L’evento, ancora una volta, risente della forza e della necessità di ritrovare gli stimoli giusti, nuove occasioni e voglia di rinascere, di risintonizzare la nostra vita – dopo le ansie e le paure del Covid - sui canoni della bellezza e della gioia. Roma non è nuova a queste imprese; lo ha già sperimentato nei giorni dell’epilogo della seconda Guerra Mondiale, con l’allestimento di tante mostre che ne segnarono la sua risorgimento dalle macerie, fatti concreti che oramai appartengono alla storia: “Capolavori della Pittura Europea” del generale Charles Poletti a Piazza Venezia, poi “L’Arte contro la Barbarie” di Antonello Trombadori, e ancora la “prima Mostra d’Arte Italia Libera” del Partito D’Azione e, infine la “prima grande collettiva dell’Arte Contemporanea” l voluta da Alcide De Gasperi e bernardo Mattarella, presso la ex galleria Roma che era in via Sicilia – dove oggi ahinoi quello spazio resta completamente abbandonato. (Teatro delle Arti). Il giovane curatore e manager d’arte Michele Crocitto, d'intesa con la galleria “Monogramma” di Giovanni e Gianluca Morabito di Via Margutta e in collaborazione con gli archivi Alinari di Firenze, con coraggio, hanno voluto raccogliere l’eredità e la sfida per ricominciare a intraprendere un nuovo cammino culturale ambizioso, fecondo e dal sicuro futuro. Il programma della giornata di Domenica è ricco di eventi, i visitatori, i collezionisti gli amanti dell’arte e i galleristi, sin dalla mattina troveranno ad accoglierli lo straordinario spettacolo delle Ferrarie degli uomini al servizio di “passione Rossa”; con la possibilità di avere accanto alcune auto della Ferrari del patron Fabio Barone; all’interno dell’esposizione sarà possibile ammirare “L’Affresco Digitale” idea innovativa concepita da Crocitto a cura di GBY srl, sarà anche possibile godere del “virtual Tour Olobiz a cura di Alessandro Mini. La serata sarà allietata dal Sommelier Nicola Grilli, il sottofondo musicale è a cura del DJ Jimmy e dal nuovo format di cocktail bar ideato da Ivan Visentin. I testi critici, scritti appositamente per le opere degli artisti: Baldessari Castel, Chimenti, Crivellari, De Franceschi, Di Guardo, Fezza, Grittini ( che ha a corredo una raccolta di immagini e uno spazio letterario tutto dedicato alla poetica della grande Alda Merini,) Micheli Monteforte, Piccioni, Radchenko, Risiglione e Baldessari sono di Rosario Sprovieri. In mostra anche due opere straordinarie di Menichelli e Schifano, di propietà della Galleria Monogramma.L’evento ha avuto il sostegno di: PDP catering, GBY srl Fc Motors, Chinotto Neri , AI Consult, Dercar Logistica, Cantina Silvestroni, Cantina Carpi e Sorbara, Marini Tartufi, il tutto è stato possibile grazie alla disponibilità, alla competenza e all’intuito geniale del Proprietario della Domus San Sebastiano Antonio Camerini.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

“Domus d’Arte”
Domus San Sebastiano
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU