Borbona “Una comunità allo specchio” Enza Palesati, dopo una vita trascorsa al Quirinale ora i suoi acquerelli

“Una comunità allo specchio” sarà un originalissimo evento, che vedrà in mostra una carrellata di opere pittoriche: Acquerelli, ritratti appositamente realizzati, pose uniche di quella umanità che vive o che ha trascorso - in questo posto bellissimo quale è Borbona- la propria vita. Figure di uomini donne e bambini che sono o, che sono stati, la “vita reale” fra i vicoli e la piazza di questa singolare Borbona; la cittadina che appartenne già ai cosiddetti Stati Farnesiani d'Abruzzo, di cui Penne fu capitale.

di Rosario Sprovieri
Martedì 11 Agosto 2020
Rieti - 11 ago 2020 (Prima Pagina News)

“Una comunità allo specchio” sarà un originalissimo evento, che vedrà in mostra una carrellata di opere pittoriche: Acquerelli, ritratti appositamente realizzati, pose uniche di quella umanità che vive o che ha trascorso - in questo posto bellissimo quale è Borbona- la propria vita. Figure di uomini donne e bambini che sono o, che sono stati, la “vita reale” fra i vicoli e la piazza di questa singolare Borbona; la cittadina che appartenne già ai cosiddetti Stati Farnesiani d'Abruzzo, di cui Penne fu capitale.

Per la stagione estiva, di questo problematico anno 2020, facendo ricorso alle energie dei suoi straordinari abitanti, tra le tante iniziative in cantiere, verranno portate in mostra le opere pittoriche di una talentuosa e versatile artista del luogo: Enza Palesati, ma anche, ex collaboratore del Consigliere Diplomatico del Presidente della Repubblica, che ha curato – con dedizione - le visite ed i viaggi sia del presidente, che dei suoi corrispondenti, regnanti o personaggi politici del mondo. Enza Palesati proporrà una sua personalissima galleria umana fatta di ben centoventisei “ritratti” ad acquerello, sicuramente ispirati alla ritrattistica rinascimentale, i suoi protagonisti vengono immortalati nella loro vita di tutti i giorni, in ambienti familiari e circondati dagli oggetti quotidiani, - a tal proposito – sono da sottolineare le “nonne” più longeve di Borbona, meravigliose le tre Centenarie che in questo anno raggiungono insieme la soglia del secolo. Per la comunità e, per chi qui soggiorna per il periodo estivo, sarà un modo per rimirarsi, “ri-specchiarsi insieme”, tutti dentro una vera ricerca antropologica. Un progetto, questo dei “ Ritratti ad acquerello” che abbraccia una comunità intera, un paese in posa, che diventa poi un percorso etnografico visibile, lungo le abitazioni e le vie del piccolo borgo, grazie alle idee dei volontari della Pro Loco, che hanno inteso animare e rendere piene di vita le strade e la piazza. E’ un vero tentativo di realizzare una prima riqualificazione del centro storico; parte fondamentale di tale processo è non solo il recupero culturale, che riporta al centro vecchio nucleo del paese, che si avvia adesso, a diventare una “destinazione” di interesse; ma anche per ricordare volti e anime della gente che è appartenuta alla storia, alla cultura e ai giorni del suo tempo passato. L’appuntamento imperdibile, è per il 14 agosto proprio a Borbona, il borgo del reatino, che si trova su una delle colline dell’ampia conca formata dal fiume Ratto, nella valle che si apre sulla sinistra dell'alto corso del fiume Velino, proprio in mezzo alle grandi catene del Terminillo, della Laga e del Gran Sasso. In primo piano, il suggestivo centro reatino, che custodisce un tesoro di opere d'arte ospitate nelle sue chiese, con quel suo gioiello più importante, che è la monumentale “ Croce di Borbona ”, uno dei documenti più preziosi delle vicende francescane del Trecento, Borbona, uno tra i più ameni e fascinosi contrafforti collinari e' a quarantaquattro kilometri da Rieti, ci si arriva dalla Salaria deviando al bivio di Posta per 4 km. Quì da venerdì 14 agosto a lunedì 17 (salvo proroghe) saranno presentati i 125 “acquerelli” di Enza Palesati, nella magia dei dipinti, tanti personaggi locali “ritratti”; un vero compendio antologico dell’umanità di oggi e dei loro predecessori; la mostra sarà allestita in piazza, ove – per le implicazioni e complicazioni degli effetti del Covid 19 – sarà fatto obbligo scrupolosamente del rispetto della cosiddetta distanza sociale. Borbona, è uno di quei centri abitati feriti e transennati per il devastante sisma di Amatrice, per questo ha necessità di essere sostenuta ed aiutata, principalmente nell’assecondarne la rinascita e la “vita”. Per questo motivo “la Pro Loco” di Borbona, ha organizzato eventi alternativi e nuovi, diversi da tutti quelli proposti nelle annate precedenti. Per l’occasione, sono stati sistemati gran parte dei sentieri montani, per consentire le consuete tradizionali passeggiate sulla montagna, ci si potrà andare a piedi ed in mountain bike; i tragitti sono abbastanza accessibili, anche se, chi vuole potrà essere coadiuvato anche da esperte guide del Cai. Il programma delle manifestazioni estive è molto ricco, sono previsti anche corsi di apprendimento e stage di varia natura, dalla ceramica alla tintura di tessuti; saranno a disposizione degli interessati esperti ed artisti di ogni settore. Non mancheranno eventi culturali e di intrattenimento, le serate avranno la colonna sonora di tanti concerti, appositamente organizzati, è utile ribadire che il tutto si affianca a una ospitalità proverbiale e a una tradizione eno-gastronomica di tutto rispetto.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Borbona
Enza Palesati
mostra
PPN
Prima Pagina News
Una comunità allo specchio

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU