Carabinieri Eroi Nazionali, Presidente Mattarella li riceva al Quirinale insieme al loro Comandante Giovanni Nistri

Rieccoli gli eroi di Linate, questa volta ospiti di Rai Uno da Marco Liorni per “Italiasì”. 

(Prima Pagina News)
Sabato 23 Marzo 2019
Roma - 23 mar 2019 (Prima Pagina News)

Rieccoli gli eroi di Linate, questa volta ospiti di Rai Uno da Marco Liorni per “Italiasì”. 

Sono l’ppuntato Scelto Domenico Altamura, l’ Appuntato Scelto Qualifica Speciale Andrea Celeste, il Carabiniere Giovanna Calvaruso, il Carabiniere Francesco Citarella, il Carabiniere Scelto Aldo Alberto Leone, il Maresciallo Capo Roberto Manucci, il Carabiniere Francesco Nano, l’ Appuntato Scelto Francesco Paolo Savona, l’ Appuntato Scelto Diego Nicola Sanzani, l’ Appuntato Scelto Simone Zerbilli, il Carabiniere Donato Zigrino. Di loro in questi giorni hanno parlato tutti i grandi giornali del mondo, e dappertutto i loro nomi saranno ricordati per sempre come i nomi degli 11 eroi italiani che con il loro coraggio e il loro addestramento personale hanno evitato l’ennesima strage terroristica. Sono loro gli 11 carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese che alle porte di Linate hanno salvato la vita a 51 bambini inermi e presi in ostaggio dall’autista di un pullman che minacciava di ucciderli e bruciarli vivi. Se esiste un Dio dei poveri in questo nostro strano Paese, allora si faccia sentire per favore e riconosca a questi uomini il valore del loro coraggio e della loro enorme abnegazione con cui hanno portato in salvo i 51 bambini in ostaggio. In qualunque altra parte del mondo sarebbero arrivati sul posto gli artificieri, i tiratori scelti, i mediatori, la Swat al competo, a Linate invece 11 ragazzi in divisa hanno fatto quello che altrove avrebbe visto impegnati non meno di 300 militari addestrati a tutto e armati fino ai denti. Bravo Generale Nistri, va detto che l’Arma dei Carabinieri che lei dirige oggi si è fatta onore in tutto il mondo, perché mi creda dovunque nel mondo, dove oggi si parla di terrorismo, i fatti di Linate rimarranno un esempio di strategia e di sicurezza nazionale per tutti. Bravo e soprattutto grazie, grazie a questi uomini e grazie a lei Comandante Nistri per il modo come questi ragazzi li ha fatti cercare, scegliere, addestrare, educare, formare, e per averli poi messi alla prova con una impresa così difficile, e che altrove sarebbe stata classificata ad altissimo rischio vita per gli ostaggi. Ora che i 51 bambini sono rientrati felicemente a casa, e le loro famiglie possono finalmente continuare a goderseli, ora trovi il tempo per favore per scrivere al Capo dello Stato una bella lettera di encomio solenne: questi suoi ragazzi che sono diventati, loro malgrado e malgrado tutto, dei veri e propri eroi nazionali non vanno lasciati soli. Meritano una giusta promozione. Meritando soprattutto un riconoscimento istituzionale, che solo il Capo dello Stato può dare loro nella maniera più solenne e completa. E il giorno in cui il Capo dello Stato dovesse decidere di conferire loro una medaglia al valore per quello che hanno fatto, Comandante Nistri faccia allora come Lei ha sempre fatto nella sua vita, da quando era ancora giovane tenente in Calabria, li prenda per mano questi suoi ragazzi e li accompagni lei al Quirinale, perché la medaglia al valore questa volta appartiene anche a lei, e per intero Signor Comandante. B.N.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Arma dei Carabinieri
Assalto scuolabus
Francesco Nano
PPN
Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU