L’acqua, una piscina e tanto amore. Così si supera anche l’autismo

Affrontare concretamente l'autismo.

(Prima Pagina News)
Sabato 20 Luglio 2019
Roma - 20 lug 2019 (Prima Pagina News)

Affrontare concretamente l'autismo.

Quando sport e terapia si mettono insieme, i risultati sono sempre positivi. E possono aiutare a superare anche i mille ostacoli dell’autismo. Domani mattina, a partire dalle ore 9, la piscina del centro Witness & Wellness dei fratelli Falciglia a Lanciano sarò lo scenario di un evento unico in Abruzzo che vede coinvolti tanti bambini con disturbi intellettivi e relazionali. Infatti, proprio l’acqua della piscina frentana sperimenterà la TMA, Terapia Multisistemica in Acqua Metodo Caputo Ippolito, nata con l’obiettivo di inserirsi in un progetto riabilitativo globale, che cura in particolar modo gli aspetti relazionali, emotivi e di integrazione sociale. La terapia utilizza l’acqua come attivatore emozionale, sensoriale, motorio, capace di spingere il soggetto con disturbi della comunicazione, relazione, autismo e disturbi generalizzati dello sviluppo ad una relazione significativa. Appuntamento, dunque, presso la piscina della Fitness e Wellness con una serie di attività che si protrarranno per tutta la mattinata e vedranno coinvolti bambini provenienti dall’intera regione con le proprie famiglie che, a loro volta, avranno modo di condividere un momento di socializzazione di estrema importanza. “Questa terapia – ha sottolineato Gianmarco Augenti, operatore TMA – è rivolta ai ragazzi con disturbi dello spettro autistico e con disabilità intellettiva-relazionale. Si tratta di una terapia perché è un trattamento individualizzato, pianificato e supervisionato con lo scopo di raggiungere obiettivi a breve e medio termine. Stiamo portando avanti questo discorso –ha precisato Augenti – in particolar modo con le piscine pubbliche perché riteniamo fondamentale l’aspetto dell’integrazione sociale e l’evento di domani a Lanciano si incardina proprio in questa logica ed è la dimostrazione che stiamo percorrendo la strada giusta”. Entusiasta Fabio Falcone, operatore TMA di Lanciano, che ha organizzato l’evento: “Quando ho iniziato a portare avanti il discorso della terapia multisistemica in acqua metodo Caputo – ha chiarito Falcone – mi sono visto diverse porte chiuse. Con i fratelli Falciglia il discorso è stato da subito diverso, quando infatti bussai alla loro porta – ha ricordato - le loro prime parole, dopo la visione dei video ed una rapida spiegazione, furono "queste persone hanno più diritto di noi a fare sport e attività ...prego accomodati e fai tutto tu". Parole che ricorderò sempre. Siamo presenti in tutta Italia e in Abruzzo – ha concluso Fabio Falcone della TMA – e stiamo cercando di crescere con il fine di riuscire ad organizzare prossimamente campus estivi. A Lanciano ora siamo in 2 e da settembre arriveranno nuovi altri operatori”. Per Lauro Falciglia l’evento di domani rappresenta un ulteriore tassello in perfetta sincronia con filosofia gestionale del centro sportivo: “La mission della mia famiglia – ha spiegato Lauro Falciglia – è quella di mettersi sempre a disposizione per eventi che hanno risvolti sociali, che coinvolgono i più piccoli. Il nostro piccolo contributo nel mettere la piscina a disposizione della TMA – ha detto uno dei titolari della Fitness & Wellness – ci rende orgogliosi perché abbiamo contribuito, almeno per un po', a far star bene i bambini e a far socializzare le loro famiglie. Spero – ha concluso – che quest’evento di domani sia solo il primo di una lunga serie”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

autismo
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU