Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
La Corea del Nord minaccia "crisi fuori controllo" in dichiarazioni roventi rivolte a Stati Uniti e Corea del Sud
La Corea del Nord minaccia gli Stati Uniti circa una "crisi fuori controllo nel prossimo futuro" e ha accusato la Corea del Sud di aver compiuto una "provocazione intollerabile" in una serie di dichiarazioni contro Pyongyang, commenti che potrebbero preparare il terreno per una resa dei conti tra i tre Paesi.
di Francesco Tortora
Domenica 02 Maggio 2021
Dal nostro corrispondente a Bangkok - 02 mag 2021 (Prima Pagina News)
La Corea del Nord minaccia gli Stati Uniti circa una "crisi fuori controllo nel prossimo futuro" e ha accusato la Corea del Sud di aver compiuto una "provocazione intollerabile" in una serie di dichiarazioni contro Pyongyang, commenti che potrebbero preparare il terreno per una resa dei conti tra i tre Paesi.
In una recente dichiarazione, la Corea del Nord ha rimproverato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per aver detto, in un discorso al Congresso giovedì scorso, che il programma nucleare di Pyongyang rappresenta "una seria minaccia per la sicurezza americana e mondiale".
In una specifica dichiarazione, ha accusato gli Stati Uniti di impegnarsi in "imbrogli politici" la scorsa settimana, quando il Dipartimento di Stato ha definito la Corea del Nord "uno degli Stati più repressivi e totalitari del mondo".
E una terza dichiarazione attribuita alla sorella del leader nordcoreano Kim Jong Un, Kim Yo Jong, ha avvertito che la Corea del Sud avrebbe dovuto affrontare delle conseguenze dopo che i disertori nordcoreani avrebbero usato palloncini per inviare volantini nel territorio nordcoreano.

I commenti arrivano dopo che l'addetto stampa di Biden ha detto venerdì che l'Amministrazione ha completato una revisione politica di mesi sulla Corea del Nord. Washington intende attuare un "approccio calibrato e pratico" che differisce dalla strategia dell'amministrazione Trump di perseguire un grande affare o dall'attenzione dell'amministrazione Obama sulla "pazienza strategica".

Biden e la sua controparte sudcoreana, Moon Jae-in, si incontreranno a Washington alla fine del mese.

Le dichiarazioni della Corea del Nord erano più focalizzate su quelli che consideravano insulti da Biden, dal Dipartimento di Stato e dal governo sudcoreano, e tutti utilizzavano il linguaggio ampolloso spesso visto nelle dichiarazioni di opposizione o dispiacere della Corea del Nord.

Rispondendo ai commenti del Dipartimento di Stato sui diritti umani in Corea del Nord, il ministero degli Esteri nordcoreano ha affermato che gli Stati Uniti "non hanno il diritto di discutere nemmeno i diritti umani".

"Gli Stati Uniti, dove persone innocenti perdono la vita a causa della disuguaglianza sociale e del razzismo ogni giorno, dove 580.000 persone sono morte per il nuovo coronavirus, sono essi stessi una terra desolata dei diritti umani", si legge nella dichiarazione.

Kwon Jong Gun, il direttore generale del Dipartimento degli Affari USA del Ministero degli Esteri della Corea del Nord, ha detto che le osservazioni di Biden sulla Corea del Nord durante il suo discorso sono state un "grosso errore" indicativo di una "politica obsoleta dal punto di vista e di vista della Guerra Fredda".

"La sua dichiarazione riflette chiaramente la sua intenzione di continuare a far rispettare la politica ostile nei confronti della Corea del Nord come era stata fatta dagli Stati Uniti per oltre mezzo secolo", ha detto Kwon, usando l'acronimo del nome ufficiale della Corea del Nord, Repubblica Democratica Popolare di Corea. "Ora che ciò che è diventato chiaro il punto chiave della nuova politica della Corea del Nord degli Stati Uniti, saremo costretti a premere per misure corrispondenti, e con il tempo gli Stati Uniti si troveranno in una situazione molto grave".

La dichiarazione di Kim è arrivata in risposta a un'organizzazione di attivisti guidata da un disertore nordcoreano ha rilasciato palloncini nella Corea del Nord portando denaro e volantini di propaganda anti-nordcoreana nel tentativo di fornire alle persone all'interno di una delle dittature più severe del mondo informazioni non censurate sul loro paese e sul mondo esterno.

Kim ha detto che la Corea del Nord non poteva nascondere il suo dispiacere per gli "atti sordidi" compiuti dai disertori, che lei chiamava "rifiuti umani" e "feccia umana sporca".

"Consideriamo le manovre compiute dai rifiuti umani nel sud come una seria provocazione contro il nostro Stato e esamineremo le azioni corrispondenti", ha poi aggiunto minaccioso.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU