Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Massimo Osanna ci prende per mano e ci racconta la magia di Pompei

Nel nuovo libro edito dalla Rizzoli, che sarà presentato domani a Roma alla Feltrinelli di Via del Corso(ore 18), attraverso un'accurata ricostruzione del territorio oltre le mura di Pompei e delle ville che punteggiavano la campagna, Massimo Osanna e Luana Toniolo ci accompagneranno «dentro il cantiere» di Civita Giuliana, nell'operatività della moderna archeologia, restituendoci l'emozione della scoperta e la passione del loro lavoro.

di Pino Nano
Giovedì 12 Maggio 2022
Roma - 12 mag 2022 (Prima Pagina News)

Nel nuovo libro edito dalla Rizzoli, che sarà presentato domani a Roma alla Feltrinelli di Via del Corso(ore 18), attraverso un'accurata ricostruzione del territorio oltre le mura di Pompei e delle ville che punteggiavano la campagna, Massimo Osanna e Luana Toniolo ci accompagneranno «dentro il cantiere» di Civita Giuliana, nell'operatività della moderna archeologia, restituendoci l'emozione della scoperta e la passione del loro lavoro.

Il mondo nascosto di Pompei”, una ricerca questa di Massimo Osanna, Direttore generale dei Musei del Ministero della Cultura, e Luana Toniolo, quanto mai bellissima e di grande suggestione archeologica e documentale, un saggio importantissimo, che parte da lontano fino all'ultimo ritrovamento: una stanza abitata da una famiglia di schiavi che, a distanza di duemila anni dalla tragica eruzione, ci restituisce la vita quotidiana delle classi subalterne, quelle che meno – fino a oggi – avevano lasciato traccia di sé. Ma partiamo dall’inizio.


È il 2017 quando la Procura di Torre Annunziata contatta il Parco Archeologico di Pompei. La proposta è chiara: intraprendere indagini congiunte per stabilire le responsabilità dei tombaroli e degli «scavatori» non autorizzati che stanno saccheggiando – ultimi di una lunga serie di clandestini – il territorio vesuviano. Nasce da qui l'avventura di ricerca raccontata in questo libro: si ricomincia a scavare a Civita Giuliana, là dove, si sapeva da indagini di inizio secolo, era il complesso di un'antica villa. Seguendo gli interventi dei clandestini in un'area oggi densamente abitata, il team del Parco guidato dall'allora direttore Massimo Osanna avvia una campagna di scavi destinata a restituire, tra momenti di delusione per i reperti distrutti o trafugati dai tombaroli, scoperte sensazionali: nuove vittime di cui si riesce a realizzare i calchi in gesso (dopo trent'anni dagli ultimi), una stalla con tre cavalli (il primo calco equino mai realizzato a Pompei), una sepoltura successiva all'eruzione del 79 d. C. Poi- si legge in una nota ufficiale del MIC-in un ambiente limitrofo, un reperto eccezionale e unico nel suo genere: un pilentum, un fastoso carro da cerimonia finemente decorato, di cui si aveva traccia solo nelle fonti scritte. Praticamente intatto, solo sfiorato dai tunnel dei clandestini, conserva ancora i meravigliosi medaglioni a tema erotico.

Attraverso un'accurata ricostruzione del territorio oltre le mura di Pompei e delle ville che punteggiavano la campagna, Massimo Osanna e Luana Toniolo ci accompagnano «dentro il cantiere» di Civita Giuliana, nell'operatività della moderna archeologia, restituendoci l'emozione della scoperta e la passione del loro lavoro. Fino all'ultimo ritrovamento: una stanza abitata da una famiglia di schiavi che, a distanza di duemila anni dalla tragica eruzione, ci restituisce la vita quotidiana delle classi subalterne, quelle che meno – fino a oggi – avevano lasciato traccia di sé. Un viaggio della conoscenza che diventa anche un monito: il nostro patrimonio archeologico e museale è un tesoro da difendere, da rilanciare, da valorizzare ogni giorno. E la villa al centro di questo libro, scrive Massimo Osanna, può oggi trasformarsi «da luogo di razzia, di distruzione dissennata, in un sito emblematico di tutela dinamica. Un simbolo della lotta dello Stato contro la piaga dello scavo clandestino e del commercio di manufatti archeologici e opere d'arte».

Un saggio che farà storia, un libro che farà discutere in tutto il mondo, un’opera di ricerca archeologica che riconferma Massimo Osanna, professore ma è dir poco, come uno dei massimi studiosi della Pompei che tutto il mondo conosce e di cui si parla ormai davvero in ogni angolo della terra. Ma il merito è anche suo, di questo straordinario intellettuale prestato al culto della terra e dei suoi luoghi più sacri.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Il mondo nascosto d Pompei
Luana Toniolo
Pompei Parco Archeologico
PPN
Prima Pagina News
Prof. Massimo Osanna

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU