Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Elezioni: Meloni mantiene basso profilo dopo la vittoria
La leader di Fratelli d'Italia ha pubblicato due post sui social, e non ha presenziato alla conferenza stampa del partito, dove Lollobrigida, Ciriani e Donzelli hanno spiegato gli obiettivi del nuovo governo.
(Prima Pagina News)
Lunedì 26 Settembre 2022
Roma - 26 set 2022 (Prima Pagina News)
La leader di Fratelli d'Italia ha pubblicato due post sui social, e non ha presenziato alla conferenza stampa del partito, dove Lollobrigida, Ciriani e Donzelli hanno spiegato gli obiettivi del nuovo governo.
Giorgia Meloni ha scelto di festeggiare la vittoria alle elezioni mantenendo un basso profilo.

Durante la giornata, la leader di Fratelli d'Italia ha pubblicato due post sui social, l'ultimo dei quali è una lettera di sua figlia Ginevra: "Cara Mammina sono tanto felice che hai vinto ti amo tanto!". Meloni non ha avuto alcun tipo di incontro, preferendo passare la giornata in famiglia, con il suo compagno e la loro figlia.

Proprio per lei c'è stato l'unico contatto con l'esterno, quando si è allontanata brevemente da casa per andarla a prendere.

Non ha preso parte neppure alla conferenza stampa di Fratelli d'Italia, svoltasi nel quartier generale allestito all'interno di un hotel nel centro di Roma, in cui i capigruppo Luca Ciriani e Francesco Lollobrigida e il responsabile organizzazione del partito, Giovanni Donzelli, hanno parlato degli obiettivi del nuovo governo.

Nel programma di Fratelli d'Italia trovano spazio il presidenzialismo, un maggiore peso di Roma in ambito europeo, difesa dell'Italia da intrusioni estere, e l'intenzione di cooperare con il governo uscente in merito alla legge di bilancio.

Il dato derivante dalle urne elettorali “è sotto gli occhi tutti e ne siamo soddisfatti”, ha detto Donzelli, esternando la sua soddisfazione per il fatto che “ci sia una maggioranza stabile, un bene non solo per noi ma per tutto il Paese”, contrariamente a quello che ha detto il leader del Pd, Enrico Letta, secondo il quale oggi è una "giornata triste" per l'Italia.

Tuttavia, quando si vota, ha detto Ciriani, “è sempre una festa della democrazia e questo il Pd lo deve rispettare: questa sinistra spocchiosa non è maggioranza nel Paese e non impara dai suoi errori”.

Interpellato su chi possa essere il nuovo Ministro dell'Interno, e sulle rivendicazioni del leader della Lega Matteo Salvini, Donzelli ha specificato che "sarebbe prematuro ed irrispettoso fare oggi nomi di ministri". “I rapporti con i leader del centrodestra saranno costanti”, ha detto Lollobrigida, smentendo tutti i dubbi su possibili crepe all'interno del centrodestra, che in via eventuale saranno chiarite in un vertice, “in tempi ragionevoli”, come ha reso noto Ciriani.

Tra gli argomenti sul tavolo c'è anche la possibilità di ricorrere a un altro scostamento di bilancio. In ambito economico, ha detto Ciriani, il partito “non ha mai escluso niente ma c’è un ordine di priorità cominciando dal tetto al prezzo del gas ed il disaccoppiamento del prezzo dell’energia”. La Meloni, nel frattempo, sta “approfondendo tutti i dossier più importanti ed urgenti come la Nadef. C’è un lavorio continuo” e quando la nuova compagine governativa sarà composta “ci saranno gli incontri ufficiali” anche con il governo dimissionario.

Per quanto riguarda il presidenzialismo, invece, Donzelli ha spiegato che, nel caso in cui dovesse esserci una riforma, seguirà lo stesso iter di quella relativa all'autonomia. “E’ una Costituzione bella ma ha 70 anni, si può ragionare serenamente e provare a migliorarla”, ha detto nel merito Lollobrigida.

Quest'ultimo si è espresso su quanto detto stamani dalla premier francese, Elisabeth Borne, che ha detto che Parigi guarderà con attenzione al rispetto dei diritti umani in Italia, in seguito alla vittoria elettorale riportata dal centrodestra: “Nessun governo italiano credo abbia mai usato parole” di questo tipo rispetto ai governi che si sono succeduti in Francia, per cui “credo vadano rispettate le espressioni dei popoli e dei governi. Ma possiamo tranquillizzare chiunque sia sui diritti civili che su altre questioni”, ha detto. Ciò non significa, ha precisato, che Roma difenderà gli interessi nazionali come i governi di Parigi e Berlino, “mentre gli esecutivi italiani lo hanno fatto meno. Auspichiamo un governo che vada in Europa a rappresentare gli interessi dei cittadini”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Conferenza stampa
elezioni
Francesco Lollobrigida
Fratelli d'Italia
Giorgia Meloni
Giovanni Donzelli
Luca Ciriani
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU