Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Portomaggiore (Fe): caporalato nel settore dell'agricoltura, 3 persone arrestate
Sono accusate di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro aggravati, rissa, calunnia. Denunciati 23 imprenditori.
(Prima Pagina News)
Venerdì 08 Aprile 2022
Ferrara - 08 apr 2022 (Prima Pagina News)
Sono accusate di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro aggravati, rissa, calunnia. Denunciati 23 imprenditori.
Tre persone di origine pachistana sono state arrestate dai Carabinieri di Portomaggiore, nel Ferrarese, nell'ambito di un'azione volta a contrastare il caporalato nel settore dell'agricoltura.

Nello specifico, gli arrestati sono accusati di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro aggravati, rissa e calunnia: contro i lavoratori che non rispettavano i loro comandi, i tre procedevano con atti intimidatori, percosse, trattenimento dell'intero salario e minacce di non essere più contattati per lavorare. I tre sono stati arrestati fra l'Emilia Romagna e il Veneto.

Inoltre, i militari hanno denunciato 23 imprenditori per aver assunto e impiegato agricoltori con intermediazione illecita e sfruttamento di persone bisognose.

Le indagini sono iniziate in seguito a una rissa, verificatasi a Portomaggiore nell'ottobre del 2020. I lavoratori avrebbero protestato contro lo sfruttamento, e i tre avrebbero fermato la protesta. Nella rissa vennero coinvolte circa 15 persone, alcune delle quali riportarono ferite gravi, causate da cocci di vetro e spranghe. Altri, invece, allertarono i Carabinieri.

Gli arrestati sono anche accusati di essersi appropriati di una parte dello stipendio dei lavoratori, di violazione delle leggi inerenti l'orario di lavoro, le ferie, il riposo settimanale, la formazione, e di minacce nei confronti di quelli che intendevano denunciare tutto alle Forze dell'Ordine. Dalle indagini è emerso che questo tipo di condotte andava avanti dal 2018, e che l'organizzazione si basava sulla consapevolezza degli imprenditori, ben consci dell'illiceità delle procedure messe in atto.

I militari hanno posto sotto sequestro beni per un ammontare pari a 80 mila euro.

L'operazione è stata eseguita tra le Province di Ferrara, Rovigo, Padova, Venezia e Ravenna.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

arresti
Caporalato
Carabinieri
Portomaggiore
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU