Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Migranti, Polonia: “Crisi usata da Bielorussia per incoraggiare profughi a venire nel nostro Paese”
La dichiarazione dell' ambascita polacca a Roma. 
(Prima Pagina News)
Mercoledì 13 Ottobre 2021
Roma - 13 ott 2021 (Prima Pagina News)
La dichiarazione dell' ambascita polacca a Roma. 
Per generare ulteriore pressione sull'UE, la Bielorussia ha iniziato a incoraggiare i migranti a venire, promettendo loro che si sarebbero potuti recare nei paesi dell'Europa occidentale.

Sappiamo che la Bielorussia sta compiendo intensi sforzi per aprire nuovi collegamenti aerei con Minsk dai paesi del Nord Africa, del Medio Oriente e dell'Asia. Solo tra maggio e agosto di quest'anno oltre 10.000 migranti sono stati portati in Bielorussia, principalmente dall'Iraq. Secondo le informazioni dei servizi polacchi, i migranti vengono incoraggiati ad acquistare "viaggi" a Minsk (al costo di diverse migliaia di dollari), dove arrivano in aereo via Istanbul o Dubai e dove vengono alloggiati in alberghi statali; dopo pochi giorni i servizi di sicurezza bielorussi li trasferiscono al confine con la Polonia; lungo il percorso vengono spesso picchiati, derubati e costretti a pagare tangenti. Nel 2021, in Polonia sono stati registrati oltre 13.000 tentativi di attraversare il confine illegalmente, di cui 3.500 in agosto e 7.500 in settembre. Circa 1.500 persone sono state inviate ai centri di guardia di frontiera.

Quasi tutti i migranti provengono da paesi non bellici. La maggior parte degli afgani è in Russia da anni. È importante sottolineare che oltre 200 persone sono state accusate di offrire assistenza nell'attraversamento illegale delle frontiere. Ciò conferma ulteriormente la natura organizzata dell'intera operazione. Le autorità di Minsk trattano queste persone come un'arma per destabilizzare l'UE.

Illudono i migranti con la falsa speranza di entrare nei paesi dell'Europa occidentale. Queste persone spesso non sono consapevoli che: a) non potranno attraversare legalmente il confine con l'UE; b) anche se attraversano il confine, non entreranno in Germania o in Francia, ma rimarranno in Polonia fino al completamento delle procedure; c) molto probabilmente saranno espulsi e rimandati nei loro paesi dopo il completamento della procedura, in quanto non in possesso di requisiti necessari per la concessione dello status di rifugiato. Lo Stato polacco garantisce l'accesso alla procedura di asilo a chiunque presenti domanda al valico operativo di frontiera.

Tra coloro che sono entrati in Polonia, solo il 44% ha chiesto asilo. Il resto non è interessato. L'obiettivo della maggior parte dei migranti è la migrazione economica verso l'Europa occidentale.

La Polonia aiuta le persone che fuggono da guerre e persecuzioni. Solo dall'inizio della crisi in Bielorussia sono stati rilasciati in Polonia più di 100.000 visti per cittadini bielorussi, di cui oltre 15.000 visti umanitari. Nelle ultime settimane sono stati evacuati da Kabul oltre 1.300 afgani. La Polonia ospita esponenti dell'opposizione democratica della Bielorussia.

La Polonia è responsabile e tenuta a proteggere il confine esterno dell'UE. Il nostro compito è contrastare tutti i tentativi di immigrazione illegale. Per proteggere meglio i confini, la Polonia ha deciso di costruire 180 km di recinzione al confine e ha deciso di introdurre lo stato di emergenza in un'area larga 3 km lungo il confine con la Bielorussia. Lo dichiara l’ ambasciata polacca a Roma in una nota.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

migranti
Polonia
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU