Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Calabria. Il Garante della Salute Anna Maria Stanganelli incontra Corbelli (Diritti Civili).

Anna Maria Stanganelli e Franco Corbelli per un giorno insieme, per ragionare di problemi legati alla sanità calabrese, lei appena nominata Garante della Salute, lui vecchio combattente in difesa dei diritti dei malati, una reunion che potrebbe solo giovare alla Calabria e ai mille problemi insoluti della sanità regionale.

di Pino Nano
Domenica 04 Dicembre 2022
Roma - 04 dic 2022 (Prima Pagina News)

Anna Maria Stanganelli e Franco Corbelli per un giorno insieme, per ragionare di problemi legati alla sanità calabrese, lei appena nominata Garante della Salute, lui vecchio combattente in difesa dei diritti dei malati, una reunion che potrebbe solo giovare alla Calabria e ai mille problemi insoluti della sanità regionale.

Non poteva andare meglio l’incontro tra il nuovo Garante della Salute Anna Maria Stanganelli e il leader del Movimento Diritti Civili Franco Corbelli. Hanno nelle vene e nella mente la medesima mission, che è quella di poter aiutare i calabresi a curarsi meglio, ad evitare i mille viaggi della speranza in cerca di ospedali diversi e migliori, e soprattutto costruire insieme una nuova consapevolezza politica al servizio della gente comune. Per fare questo servono delle qualità caratteriali e delle specificità ambientali che sia lei che lui hanno in pieno, e questo loro primo incontro è sotto certi aspetti emblematico perché segno evidente di una svolta nelle vecchie abitudini politiche di una volta. In questo caso l’uno può essere funzionale all’altro, e questo può solo far bene ai calabresi e ai loro problemi.

Franco Corbelli, lo ricordiamo è impegnato da oltre 30 anni, in battaglie civili, di giustizia, iniziative umanitarie e di solidarietà. Sono state le morti assurde per casi di malasanità, come quella del piccolo Flavio Scutellà, a spingere Corbelli nel lontano 2008 a ideare per la prima volta in Italia, proporre e fare approvare, in prima istanza dal Consiglio Provinciale di Cosenza, la legge, poi trasmessa per competenza e definitivamente licenziata dal Consiglio Regionale della Calabria, per l’istituzione del Garante della Salute della Regione Calabria. 

Dopo un attesa lunga 14 anni – ricorda il leader di Diritti Civili – grazie alla sensibilità del Presidente del Consiglio Regionale della Calabria,  Filippo Mancuso, del Consiglio Regionale e del Governo Regionale a guida Occhiuto , si è proceduto a questa importante nomina, che rappresenta una conquista civile per la nostra regione e un riferimento istituzionale, assieme al Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Antonio Marziale, una speranza per migliaia di cittadini e bambini, che si vedranno in questo modo difesi e tutelati e non invece, come in tanti casi, violati, con conseguenze, spesso purtroppo, anche drammatiche.”

Lei invece, Anna Maria Stanganelli è un numero uno in tema di passione civile, e lo si coglie con mano dalla sua prima dichiarazione dopo l’incontro con Franco Corbelli: “Aver incontrato Franco Corbelli, definito dalla stampa nazionale Apostolo di carità, ha suscitato in me- sottolinea Anna Maria Stanganelli- una profonda emozione. Il suo impegno ultratrentennale a difesa dei diritti umani sarà per me da stimolo per espletare il complicato ma entusiasmante compito che mi attende”. La strada è ancora lunga, ma loro insieme possono farcela davvero.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Anna Maria Stanganelli
Franco Corbelli
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU