Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Myanmar: Aung San Suu Kyi trasferita in isolamento in carcere
Il Premio Nobel per la Pace, è stata posta in stato di isolamento in carcere, come peraltro confermato da un portavoce della giunta militare che detiene il potere dopo il colpo di stato.
di Francesco Tortora
Venerdì 24 Giugno 2022
Dal nostro corrispondente a Bangkok - 24 giu 2022 (Prima Pagina News)
Il Premio Nobel per la Pace, è stata posta in stato di isolamento in carcere, come peraltro confermato da un portavoce della giunta militare che detiene il potere dopo il colpo di stato.

Il premio Nobel, 77 anni, ha lasciato la località dove era in custodia in regime di arresti domiciliari solo per partecipare alle udienze dei suoi numerosi processi presso un tribunale della giunta, che potrebbero costarle una condanna a più di 150 anni di carcere. 

Mercoledì scorso è stata trasferita dagli arresti domiciliari a "isolamento in prigione", ha dichiarato il portavoce della giunta Zaw Min Tun. 

Le future udienze del processo si svolgeranno in un'aula di tribunale all'interno della prigione, ha poi aggiunto. 

La leader spodestata del Myanmar Aung San Suu Kyi – si afferma in modo non ufficiale- è rimasta di buon umore dopo il trasferimento dagli arresti domiciliari alla prigione e affronterà "serenamente" la sua nuova reclusione in isolamento. 

Da quando è stata deposta con un colpo di Stato l'anno scorso, Aung San Suu Kyi si trovava agli arresti domiciliari in una località non rivelata di Naypyidaw, accompagnata da diversi collaboratori domestici e dal suo cane, secondo le fonti a conoscenza della vicenda. 

Un'altra fonte vicina all’ambiente ma anch’essa non ufficiale ha dichiarato che le saranno messe a disposizione tre donne che si occuperanno di lei all'interno del carcere, senza specificare se si tratterà di detenute o di guardie carcerarie. 

Da quando ha preso il potere, il governo militare del Myanmar ha messo in carcere migliaia di manifestanti a favore della democrazia, molti dei quali sono stati sottoposti a processi segreti che i gruppi per la difesa dei diritti hanno denunciato come politicamente motivati. 

Agli avvocati di Aung San Suu Kyi è stato vietato di parlare con i media e ai giornalisti di assistere al suo processo. 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Aung San Suu Kyi
carcere
Myanmar
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU