Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Cibo e sport: è uscito l'almanacco dell'"Italia Foodball Club"
L'ideatore Vito Romaniello: "La partita diventa il pretesto per una gita e anche per scoprire le bontà del posto in cui ci si trova".
(Prima Pagina News)
Martedì 29 Dicembre 2020
Varese - 29 dic 2020 (Prima Pagina News)
L'ideatore Vito Romaniello: "La partita diventa il pretesto per una gita e anche per scoprire le bontà del posto in cui ci si trova".
E' uscito l'almanacco culinario e calcistico dell'"Italia Foodball Club", il cui intento è quello di unire la storia delle città che ospitano i Campionati di Serie A e B e della Lega Pro con lo sport e la cucina tradizionale.

A ideare l'almanacco è il fondatore dell'"Italia Foodball Club", Vito Romaniello. "Con internet, statistiche e dati riferiti a calciatori e partite li trovi ovunque, ho cercato di guardare il campionato con gli occhi dell’inviato o del tifoso, proprio nel momento in cui non è possibile andare in trasferta. La partita - dice Romaniello - diventa il pretesto per una gita e anche per scoprire le bontà del posto in cui ci si trova. Ecco allora i menù di ogni città del pallone, dal Piemonte alla Sicilia. Ho voluto indicare un po’ di riferimenti storici delle società, dall’anno di fondazione ai simboli, ai colori sociali, ai piazzamenti ottenuti nel terzo millennio. Ci sono anche molte foto e… una pizza consigliata per ogni piazza di A. Insomma, vogliamo offrire spunti che possano incuriosire non solo gli appassionati di sport, magari stimolando la ricerca dei tanti aspetti che rendono unica e affascinante la nostra Italia. Fra chi ha sostenuto l’iniziativa editoriale ci sono diversi consorzi, quell’insieme di uomini che si adoperano per difendere e diffondere le tradizioni dei territori".

"La squadra - continua Romaniello - indossa i colori della città e comunica all’esterno la propria storia, allo stesso tempo alimenta il senso di appartenenza in casa propria. Il calcio può diventare il motivo per scegliere una destinazione dove rimanere qualche giorno, prima o dopo la partita. Dal mare alla montagna, dal lago alla collina, in mezzo alla natura o in uno dei borghi più belli d’Italia: ecco un pretesto per riscoprire il nostro immenso patrimonio culturale e naturale. Lo sport deve essere inteso pure come marketing territoriale. Sfogliare questo almanacco può offrire spunti per programmare un viaggio, quando i confini tra le regioni saranno nuovamente aperti. Ottima cucina, specialità e buon vino in un percorso che può diventare anche dei sensi".

Il libro, che può essere consultato online, inizia con pagine che hanno fatto la storia del calcio: "Promozioni e retrocessioni dall’introduzione del girone unico (1929-30) a oggi, con i migliori marcatori di ogni campionato e annata. Leggere quei nomi fa riavvolgere il nastro del tempo e permette di rivivere partite e momenti che fanno parte della nostra vita. Il fascino dei colori delle maglie e della storia che si portano dietro. Il calcio è anche e soprattutto questo, per la gente comune e per i giocatori. Ce ne stiamo accorgendo in questi mesi, vedendo in televisione partite senza pubblico, stadi con spalti grigi e silenziosi".

Questo libro, aggiunge Romaniello, è un regalo per il prossimo anno "perché non costa nulla e lo vogliamo offrire a chi si trova bloccato a casa. È stato impaginato per essere facilmente consultabile dal telefonino, quindi basta una leggera pressione del dito sul link e si può sfogliare liberamente. È un modo per rispondere alla pandemia e all’isolamento che ha provocato. Immagino uno scambio di commenti fra amici, anche via messaggio, scaturito dal ricordo di una annata sportiva o dall’indicazione di un piatto tipico e che magari si vuole provare a riproporre a casa".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU