Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
La Cina in lotta contro l’invasione delle alghe
La città portuale di Quingdao, nel Nord della Cina, ha dispiegato migliaia di barche a motore, con le pale cercano di disperdere una marea montante di alghe che potrebbe compromettere l’economia ed il turismo in modo irreversibile.
di Francesco Tortora
Venerdì 09 Luglio 2021
Dal nostro corrispondente a Bangkok - 09 lug 2021 (Prima Pagina News)
La città portuale di Quingdao, nel Nord della Cina, ha dispiegato migliaia di barche a motore, con le pale cercano di disperdere una marea montante di alghe che potrebbe compromettere l’economia ed il turismo in modo irreversibile.
La città di Quingdao, nel Nord della Cina, sta lottando strenuamente contro l’avanzata -peraltro in estensione- di alghe che si vanno via via accumulano presso la costa, convocando in loco barche a motore e con pale per cercare di disperdere una spessa coltre di alghe in putrefazione che potrebbero compromettere seriamente l’economia marittima locale, il Trasporto ed il Turismo, più in generale, con effetti devastanti.

Lo spesso strato di vegetali marini che ha ricoperto interamente le acque ed intasato le spiagge è apparso il mese scorso e -secondo quanto riferito- è il fenomeno del genere più pesante cui si sia assistito mai in quella zona.

Tale emergenza potrebbe spostare le fonti di cibo critiche per gli animali dell’Oceano ed allo stesso tempo, esplicano un forte effetto deterrente a causa del pesante odore che emanano.

I media statali cinesi hanno riferito che questa specie di epidemia vegetale marittima si è diffusa su una zona costiera di 9.290 chilometri. L’agenzia stampa statale cinese Xinhua ha affermato che le Autorità hanno dispiegato circa 7.300 navi che finora hanno raccolto circa 217.000 tonnellate di alghe.

Quingdao ha assistito ad eventi similari per almeno 15 anni ma mai a questo livello, secondo i dati scientifici e statistici a disposizione in tale ambito. Ondate di alghe si sono verificate nei corsi d’acqua interni come il Lago Tai, a Sud di Quingdao nella Provincia di Jiangsu.

L’Agenzia Winhua ha affermato che una grande macchia di alghe è stata avvistata per la prima volta alla deriva verso Nord, dalla Costa di Jangsu a metà maggio, la si è vista mentre si sviluppava e man mano s’ispessiva mentre procedeva verso la costa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Cina
invasione alghe
lotta
PPN
Prima Pagina News
Qingdao

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU