Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Mattarella: “Non mi sono mai sentito solo, grazie a tutti”- VIDEO
“Abbiate fiducia del futuro” Ai giovani “non fermatevi” Il saluto di fine anno del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
di Maurizio Pizzuto
Venerdì 31 Dicembre 2021
Roma - 31 dic 2021 (Prima Pagina News)
“Abbiate fiducia del futuro” Ai giovani “non fermatevi” Il saluto di fine anno del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
“Care concittadine, cari concittadini, ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e anche con un po’ di emozione. Oggi questi sentimenti sono accresciuti dal fatto che, tra pochi giorni,come dispone la Costituzione, si concluderà il mio ruolo di Presidente”, questo l’inizio del discorso.

Poco più di quindici minuti, in piedi, per chiudere anche il suo mandato: “Sono stati sette anni impegnativi, complessi, densi di emozioni: mi tornano in mente i momenti più felici ma anche i giorni drammatici, quelli in cui sembravano prevalere le difficoltà e le sofferenze”.

“L’augurio che sento di rivolgervi si fa più intenso perché, alla necessità di guardare insieme con fiducia e speranza al nuovo anno, si aggiunge il bisogno di esprimere il mio grazie a ciascuno di voi per aver mostrato, a più riprese, il volto autentico dell’Italia.

Ho percepito accanto a me l’aspirazione diffusa degli italiani a essere una vera comunità, con un senso di solidarietà che precede, e affianca, le molteplici differenze di idee e interessi”. Sull’emergenza sanitaria Mattarella ha detto: “Dobbiamo ricordare, come patrimonio inestimabile di umanità, l’abnegazione dei medici, dei sanitari, dei volontari. Di chi si è impegnato per contrastare il virus. Di chi ha continuato a svolgere i suoi compiti nonostante il pericolo.

I vaccini sono stati e sono uno strumento prezioso, non perché garantiscano l’invulnerabilità ma perché rappresentano la difesa che consente di ridurre in misura decisiva danni e rischi, per sé e per gli altri”. “Abbiamo trovato dentro di noi le risorse per reagire, per ricostruire. Questo cammino è iniziato. Sarà ancora lungo e non privo di difficoltà. Ma le condizioni economiche del Paese hanno visto un recupero oltre le aspettative e le speranze di un anno addietro”, ha aggiunto. Mattarella ha ringraziato i sindaci e i presidenti di Regione “a quanti hanno incessantemente lavorato sui territori, accanto alle persone.

Il volto concreto di una Repubblica unita, solidale. È il patriottismo concretamente espresso nella vita della Repubblica”. “Anche nei momenti più bui, non mi sono mai sentito solo e ho cercato di trasmettere un sentimento di fiducia e gratitudine a chi era in prima linea.

Quel che desidero dirvi è che mi sono adoperato, in ogni circostanza, per svolgere il mio compito nel rispetto rigoroso del dettato costituzionale. È la Costituzione il fondamento, saldo e vigoroso, della unità nazionale. Lo sono i suoi principi e i suoi valori”, ha detto. Un messaggio particolare Mattarella lo ha rivolto ai giovani: “Alle nuove generazioni sento di dover dire: non fermatevi, non scoraggiatevi, prendetevi il vostro futuro perché soltanto così lo donerete alla società”.

“Desidero rivolgere un augurio affettuoso e un ringraziamento sincero a Papa Francesco per la forza del suo magistero e per l’amore che esprime all’Italia e all’Europa”. “Se guardo al cammino che abbiamo fatto insieme in questi sette anni nutro fiducia.

L’Italia crescerà. E lo farà quanto più avrà coscienza del comune destino del nostro popolo, e dei popoli europei. Buon anno a tutti voi! E alla nostra Italia!”, ha concluso il Presidente della Repubblica.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Discorso di fine anno
PPN
Presidente della Repubblica Sergio Mattarella
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU