Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Liliana Resinovich, Procuratore: "Potrebbe aver percorso l'ingresso al sito in cui è stato ritrovato il corpo"
"I residui vegetali trovati nelle suole delle scarpe sembrano indicare un probabile legame con la vegetazione e suolo del ritrovamento e delle vie di accesso ad esso".
(Prima Pagina News)
Mercoledì 27 Aprile 2022
Trieste - 27 apr 2022 (Prima Pagina News)
"I residui vegetali trovati nelle suole delle scarpe sembrano indicare un probabile legame con la vegetazione e suolo del ritrovamento e delle vie di accesso ad esso".
I residui vegetali scoperti sotto le suole delle scarpe di Liliana Resinovich presentano compatibilità con il terriccio della zona dove il cadavere è stato rinvenuto.

Così, in un comunicato, il Procuratore Capo di Trieste, Antonio De Nicolo.

In base a quanto emerso dalle analisi è presumibile che la donna possa "aver percorso i tratti della via di accesso al sito in cui è stato ritrovato il corpo privo di vita".

La Procura, inoltre, conferma le voci circolate alcuni giorni fa sui risultati di questa consulenza.

I residui vegetali trovati nelle suole delle scarpe, prosegue De Nicolo, "sembrano indicare un probabile legame con la vegetazione e suolo del ritrovamento e delle vie di accesso ad esso. Sembra plausibile che il materiale aderente alle scarpe, in particolare quello della scarpa destra, sia stato raccolto da Liliana Resinovich sul lastricato pedonale che costeggia l'ultimo tratto di via Weiss prima dell'imbocco al sito di ritrovamento".

Quanto raccolto "sembra quindi indicare ragionevolmente un calpestamento del suolo di Liliana del sito e delle vie di accesso allo stesso". Ci sono "elementi di incertezza" che "sono legati al cattivo stato di conservazione di alcuni frammenti vegetali, che tolti dalla scarpa sono stati messi in una provetta umida, e non hanno mantenuto la forma originale. Ulteriore conferma potrebbe essere ricercata con l'utilizzo di tecniche molecolari (DNA vegetale) per stabilire con maggior confidenza l'attribuzione alle specie presenti in loco".

La Resinovich, sparita il 14 dicembre scorso dalla sua abitazione di Trieste, è stata trovata morta il 5 gennaio, nel boschetto dell'ex Ospedale Psichiatrico del quartiere di San Giovanni. Il suo corpo era stato trovato dentro due sacchi neri.

Le indagini per capire come sia morta non si sono ancora concluse, e in base all'esito, la Procura "formulerà le proprie determinazioni conclusive".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Antonio De Nicolo
boschetto
compatibilità
Liliana Resinovich
PPN
Prima Pagina News
Procura di Trieste
scarpe
terriccio

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU