Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
India e crisi da #Covid: sempre più persone vendono gli ori di famiglia per sopravvivere
Molte attività economiche e commerciali hanno chiuso non riuscendo a resistere ai lunghi tempi dei lockdown, ora -molte persone- si distaccano da ciò che hanno di più caro per poter continuare a vivere: l’oro di famiglia.
di Francesco Tortora
Mercoledì 13 Ottobre 2021
Roma - 13 ott 2021 (Prima Pagina News)
Molte attività economiche e commerciali hanno chiuso non riuscendo a resistere ai lunghi tempi dei lockdown, ora -molte persone- si distaccano da ciò che hanno di più caro per poter continuare a vivere: l’oro di famiglia.
Anche a Mumbai, un po’ come in tutte le città indiane, non è raro assistere a gente che -nei bazar dell’oro- posa con cautela i propri braccialetti nuziali sulla bilancia del negoziante, ormai sono migliaia gli indiani che si separano dal loro bene più prezioso: l'oro.

Non è una decisione facile -alcuni sono praticamente disperati dopo che le proprie attività di abbigliamento, tessili, commerciali in genere hanno subito un duro colpo nell'ultimo anno e mezzo con più e più lockdown anti Covid, che hanno reso difficile pagare le bollette del negozio e gli stipendi dei dipendenti.

I numeri sulla crescita economica complessiva indiana suggeriscono che la terza economia più grande dell'Asia si stia riprendendo dalla crisi economica scatenata dal Covid-19 ma ovviamente non si assiste ancora alla fine del dolore finanziario per molti indiani.

"Non ho altra scelta che vendere l'oro", dicono sempre più in tanti mentre aspettano nervosamente che il proprietario del negozio faccia un'offerta. "Ho comprato questi braccialetti prima del mio matrimonio 23 anni fa", hanno detto alcuni in lacrime.

Secondo uno studio dell'Università Azim Premji, la chiusura di attività e la perdita di posti di lavoro hanno spinto più di 230 milioni di indiani alla povertà nell'ultimo anno, causando difficoltà a pagare l'affitto, le tasse scolastiche e le spese ospedaliere. Le loro difficoltà sono state aggravate nelle ultime settimane dall'aumento dei prezzi di elettricità, carburante e altri articoli.

Alla disperata ricerca di denaro, molte famiglie e piccole imprese hanno messo in vendita gioielli d'oro -la loro ultima risorsa- come garanzia per garantire prestiti a breve termine per farcela.

Le banche hanno erogato "prestiti contro gioielli in oro" per un valore di 4,71 trilioni di rupie (64 miliardi di dollari USA) nei primi otto mesi del 2021, un aumento del 74% su base annua, secondo i dati della banca centrale. E molti di questi prestiti non sono stati saldati e quindi sono andati male con i mutuatari incapaci di tenere il passo con i rimborsi, lasciando i creditori anch’essi obbligati a mettere all'asta l'oro. I giornali sono stati inondati di avvisi per tali vendite.

Secondo il World Gold Council, gli indiani hanno acquistato 315,9 tonnellate di gioielli in oro nel 2020, quasi quanto le Americhe, l'Europa e il Medio Oriente messi insieme. Solo la Cina ha comprato di più.

Si stima che le famiglie indiane si trovino su 24.000 tonnellate -per un valore di 1,5 trilioni di dollari USA- di monete, lingotti e gioielli. "È l'unica sicurezza sociale per la donna o per qualsiasi famiglia perché non esiste un tale programma di sicurezza sociale da parte del governo", ha affermato Dinesh Jain, direttore dell'All India Gem and Jewellery Domestic Council.

"L'oro è come denaro liquido", ha detto alle agenzie che lo hanno sollecitato a rispondere su questi temi. "Lo incassi a qualsiasi ora del giorno e della notte".

Kumar Jain, 63 anni, la cui famiglia gestisce da 106 anni un negozio nello storico Zaveri Bazaar di Mumbai, dice di non aver mai visto così tante persone venire a vendere oro.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

#Covid-19
crisi
famiglie
India
PPN
Prima Pagina News
sopravvivenza
vendita oro

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU