Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Presentata la candidatura di Taranto e della Grecìa Salentina a Capitale Italiana della Cultura 2022
Sono in finale con Bari, L'Aquila, Volterra, Trapani e altre città.
(Prima Pagina News)
Venerdì 15 Gennaio 2021
Taranto - 15 gen 2021 (Prima Pagina News)
Sono in finale con Bari, L'Aquila, Volterra, Trapani e altre città.
“Kalimera ce kalòs ìrtate apù Taràntu ce pù Grecìa Salentina”. Buongiorno e bentrovato da Taranto e dalla Grecìa salentina. Roberto Casaluci, presidente della Grecìa Salentina, ha salutato in griko la commissione esaminatrice del Mibact in diretta da Taranto sulla piattaforma zoom presieduta da Stefano Baia Curioni, che sottoporrà il miglior dossier al ministro Dario Franceschini il quale lunedì nominerà la capitale della cultura 2022.

Taranto e la Grecìa salentina con il dossier “La cultura cambia il clima” sono finaliste ed in concorso con altre nove città tra cui il capoluogo pugliese Bari, Ancona, Cerveteri, L'Aquila, Pieve di Soligo, Procida, Trapani, Verbania e Volterra per il prestigioso titolo di capitale della cultura 2022.

Nella biblioteca Acclavio di Taranto dopo la presentazione del sindaco Rinaldo Melucci, è intervenuto il presidente della Grecìa Salentina Roberto Casaluci per la presentazione dopo la proiezione del video promozionale “Stin Kardìa tu Salento”, nel cuore del Salento. Roberto Casaluci ha esordito con una breve cronostoria della nascita e del successo dell’Unione grika.

“La nostra lingua minoritaria è fondamentale per noi, ci teniamo molto a questa lingua, è grazie alla condivisione di questa comune radice linguistica che i 9 piccoli comuni della Grecìa Salentina, poi divenuti 12, quasi 30 anni addietro hanno raccolto la sfida – all'epoca considerata utopica - di immaginare che la cultura popolare potesse essere il punto di partenza per lo sviluppo di un territorio al di là dei singoli campanili. Questa lungimirante idea - con i suoi grandi numeri - non ha soltanto determinato importanti ricadute da un punto di vista economico, ma ha anche generato delle virtuose dinamiche culturali e sociali: il Griko e la nostra cultura popolare sono oggi motivo di riscatto e di orgoglio. Il più celebre è il festival della Notte della Taranta. In questo senso, possiamo veramente dire che la cultura cambia il clima.”

In questa scommessa per il prossimo futuro Taranto e la Grecìa Salentina sono unite non solo dalle radici elleniche e dal comune desiderio di attivare politiche di rivitalizzazione del territorio attraverso la cultura.

Le connessioni sono tante, un turista che voglia muoversi da Taranto verso Sud Est, alla ricerca di un oriente vicinissimo, potrà passare dalle ricchissime teche del Marta (il museo nazionale archeologico di Taranto) dove sono custoditi molti dei reperti, a molti dei luoghi in cui quei tesori greci, messapici, romani e bizantini sono stati ritrovati. Allo stesso modo potrà seguire l'itinerario della via ipogea delle cripte, luoghi di culto che nascono dalla necessità di nascondersi per venerare durante la lotta iconoclasta molto diffuse nel tarantino e nell'area ellenofona, testimonianza di un passato comune tra i due territori.

“Nella presentazione in commissione, come nel video, spiega il presidente Roberto Casaluci abbiamo voluto evidenziare il cuore di questa terra e l’orgoglio greco salentino, la passione che ognuno di noi ha messo affinchè quella che un tempo era una lingua da dimenticare diventasse un potenziale da sviluppare e da promuovere. È stato molto emozionante, soprattutto dopo le immagini toccanti del nostro video, presentare la nostra terra, la nostra cultura popolare, la nostra musica, le tradizioni e l’arte dei nostri paesi che hanno tanto da raccontare. Ci auguriamo di arrivare al cuore della commissione, così come in questi giorni siamo riusciti a raggiungere il cuore delle persone a cui tanto è piaciuto il video promozionale, realizzato da Giuseppe Pezzulla, che racconta la Grecìa e il cuore del Salento. Siamo vicini a Taranto come territorio e per le comuni radici elleniche e ci auguriamo di poter lavorare insieme per far crescere i nostri territori culturalmente e non solo.”

All'audizione come componente del comitato scientifico era presente anche il presidente della Fondazione Notte della Taranta Massimo Manera. Uno dei componenti della commissione Giuseppe Piperata, nel suo intervento, ha elogiato la numerosa presenza di sostenitori, oltre 482 follower, infatti, seguivano l’audizione in diretta youtube e sui canali social del Mibact.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Capitale Italiana della Cultura 2020
Grecìa Salentina
PPN
presentazione
Prima Pagina News
Taranto

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU