Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Ariccia (Rm): a palazzo Chigi la mostra "Caravaggio rivisitato - storie caravaggesche di Guido Venanzoni"
Successo di pubblico e della critica ad Ariccia per la Mostra Caravaggio Rivisitato-Storie di Guido Venanzoni ospitata a Palazzo Chigi. La kermesse, inaugurata il 20 maggio sarà visitabile fino al 25 settembre.
(Prima Pagina News)
Martedì 28 Giugno 2022
Roma - 28 giu 2022 (Prima Pagina News)
Successo di pubblico e della critica ad Ariccia per la Mostra Caravaggio Rivisitato-Storie di Guido Venanzoni ospitata a Palazzo Chigi. La kermesse, inaugurata il 20 maggio sarà visitabile fino al 25 settembre.

L’idea -sottolinea Anna Lory Di Felice consigliera delegata a Palazzo Chigi-  di ospitare nel palazzo ducale di Ariccia una mostra dedicata a Michelangelo Merisi da Caravaggio (Milano 1571 – Porto Ercole 1610), attraverso le suggestive rivisitazioni della sua vita messe in scena da Guido Venanzoni (Roma, 27 marzo 1951)  ha preso spunto dal fatto che nella dimora chigiana sono stati ambientati nel 2020 alcuni interni del film di Michele Placido L’ombra di Caravaggio, in uscita nelle sale cinematografiche per l’anno in corso".

Raccontare la vita di Caravaggio in pittura, questa è l’originale idea di Venanzoni, un unicum nel suo genere. Un’idea nata con finalità didattiche, promossa da Vincenzo Pacelli e rilanciata da Vittorio Sgarbi in occasione della mostra da lui voluta nel 2020 nel Palazzo Doebbing di Sutri, ove è stato esposto per la prima volta un primo nucleo di tele biografiche.

 

La sequenza di grandi tele sulla vita del maestro lombardo, è concepita dall’autore come una sorta di parallelo pittorico dell’arte cinematografica. Il pittore Venanzoni è regista, sceneggiatore, arredatore, costumista e casting director delle storie che mette in scena. I personaggi sono amici e conoscenti, che ha scelto in funzione dei ruoli, mettendoli in posa come faceva l’artista alla cui accidentata biografia si è ispirato.

L’invenzione naturalmente prevale e le scene, pur essendo ispirate alla vita del Caravaggio, sono libere interpretazioni, innestate con fantasia narrativa su alcuni momenti cruciali che le fonti storiche e i documenti hanno tramandato.

"La mostra - sottolinea l'Ach. Francesco Petrucci, Conservatore  del Palazzo Chigi di Ariccia- è articolata in tre sezioni: A. grandi quadri che illustrano la vicenda biografica di Caravaggio, talora con ambientazioni in luoghi reali, tra cui lo stesso palazzo di Ariccia e il Castello di Palo, ultima tappa documentata dell’artista prima della morte; B. copie di opere del Caravaggio, interpretate pittoricamente da Venanzoni con il suo stile personalissimo; C. copie eseguite dagli allievi di Venanzoni, quale esempio di didattica volta alla riscoperta delle antiche tecniche pittoriche. In merito alle riproduzioni di tele del Caravaggio, risulta riduttivo parlare di copie, in quanto l’artista romano replica le composizioni, ma non il modo di dipingere del loro autore. La sua pittura è levigata e luminosa, calda e atmosferica, porcellanata, mentre quella del genio lombardo, nel violento tenebrismo e luminismo contrastato che la caratterizza, è neoveneziana e pittorica, con risalti materici in evidenza e una materia mossa, ruvida, lavorata, striata delle setole del pennello.

 
La mostra è aperta al pubblico tutti i giorni, tranne il Lunedì, dalle 10 alle 13 e dalle 15:30 alle 18:30.

Il costo del biglietto è di 5 euro e comprende anche la visita alla mostra di Fabio Bix “ Ri_torsioni barocche”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Guido Venanzoni
Palazzo Chigi Ariccia
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU