Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Covid un anno dopo, Andrea Ravenni: “Un anno senza eventi e senza lavoro per almeno 600 mila addetti”.
La lettera che Andrea Ravenni ha scritto alla nostra redazione e che riproponiamo qui di seguito in maniera integrale è la sintesi della crisi profonda che il Paese attraversa da un anno a questa parte per via di una pandemia che ha messo il nostro Paese in ginocchio.
(Prima Pagina News)
Lunedì 22 Febbraio 2021
Roma - 22 feb 2021 (Prima Pagina News)
La lettera che Andrea Ravenni ha scritto alla nostra redazione e che riproponiamo qui di seguito in maniera integrale è la sintesi della crisi profonda che il Paese attraversa da un anno a questa parte per via di una pandemia che ha messo il nostro Paese in ginocchio.
“Sono Andrea Ravenni, amministratore della Ravaservice srl con sede a Padova, Venezia, Milano e Sesto Fiorentino e che dal 2006 opera nel campo degli allestimenti per eventi. Le scrivo la presente in quanto quotidianamente leggiamo di vari settori fortemente colpiti dalla pandemia, ma non viene mail rivolta l’attenzione verso l’event industry.

Era il 23 febbraio 2020, stavamo disallestendo degli eventi per la settimana della Moda a Milano quando arrivò la prima chiamata di annullamento per un evento del giorno successivo. Da quel giorno si è tutto fermato. È passato ormai un anno dall’inizio della pandemia. È cambiata la nostra vita, è cambiato il Governo ma non è cambiata la Event Industry, ferma dal primo giorno e con lei le sue aziende e i suoi collaboratori.

Un’ industria che non si vede, ma che realizza tutto ciò che vediamo “dal vivo”, da sempre parte del “Made in Italy”. 1 milione di piccoli e grandi eventi che producono *65,5 miliardi di Euro di fatturato *36,2 miliardi di Euro di impatto su PIL.

Un settore strategico per il Paese, con 569 mila addetti, che coinvolge 56,4 milioni di partecipanti e occupa il 40% delle stanze degli alberghi, garantendone la sopravvivenza. (*stima su dati Oxford Economics e Istituto AstraRicerche/ADC Group)

Un intero comparto, e parliamo soprattutto di PMI, sta affrontando una crisi senza precedenti che si traduce in un drammatico calo fino a oltre l’80% del fatturato a causa della pandemia e che rischia di chiudere definitivamente i battenti dopo gli ultimi provvedimenti governativi e la pressoché totale indifferenza sulla drammatica situazione, che impone lo stop a convegni, convention, matrimoni, presentazioni, spettacoli teatrali, concerti e tutto ciò che è eventi ed intrattenimento.

La nostra struttura ogni anno allestisce circa 180 eventi tra aziendali e privati su tutto il territorio Nazionale, nel 2020 questi eventi si sono ridotti a 64 tra eventi reali ed eventi virtuali, in streaming o sulla nostra piattaforma online con una riduzione dell’ 84% del fatturato. Alla luce di quanto appena scritto, chiedo a lei ed alla sua redazione di trovare il modo di dare voce al nostro settore ed alla nostra professione che sta pagando un prezzo altissimo.

Resto a sua disposizione per approfondimenti, informazioni e discuterne insieme, ringraziandola fin d’ora per il tempo dedicatomi, la saluto cordialmente, Andrea Ravenni”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

Andrea Ravenni
Eventi
PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU