Rai
PRIMO PIANO
ELENCO ARTICOLI RAI
RaiPlay: successo del film "Magari" di Ginevra Elkann

Nella prima settimana di pubblicazione 200mila gli spettatori, 450mila le visualizzazioni

Rai: "Diario di casa" fa 'un passo fuori' e accompagna i bambini nella Fase 2

Dal lunedì al venerdì alle 9.50 e alle 16.55 su Rai 2 e alle 18.20 su Rai Yoyo

In arrivo tante nuove serie Disney su Rai Yoyo e Rai Gulp

Tra i titoli "Bia", Marvel, "Spider Man", "Topolino e gli amici del Rally" e "Vampirina"

"La Rivincita" del regista e drammaturgo Leo Muscato debutta in esclusiva da giovedì 4 giugno su RaiPlay

La storia di una famiglia, simbolo di un’Italia che lotta nonostante le difficoltà per "La Rai con il Cinema italiano - Otto film di Rai Cinema in esclusiva su RaiPlay"

Rai3, #NicolaGratteri sulla scia di #GiovanniFalcone, MassimoGramellini ricorda #Capaci e le stragi di #Mafia

28 anni dopo la Strage di Capaci, RAI3 chiama il procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri per ricordare Giovanni Falcone, e Gratteri non esita a riconoscere: “Falcone? Un fuoriclasse assoluto.”

#RaiReport, Sigfrido Ranucci e l’Emergenza #Covid, il gruppo Angelucci e la donazione di Fede al S.Raffaele

Quanto ha guadagnato con l’emergenza Covid-19 la sanità privata nel nostro paese? Nel Lazio gli ospedali accreditati mangiano oramai la fetta maggioritaria dei fondi stanziati dalla Regione per la sanità: ai privati infatti lo scorso anno è andato il 54 per cento delle risorse. E con il coronavirus hanno continuato a incassare. Ce lo dimostreranno meglio Paolo Mondani e Giorgio Mottola.

#RaiPlay “Dedicato a #Falcone e #Borsellino”, l’intero palinsesto ricostruisce e racconta la magia della loro vita

28 anni dopo la Strage di Capaci e di Via d’Amelio, Rai play propone il ricordo dei magistrati che hanno combattuto la mafia a costo della vita e che sono assurti a simbolo dell’Italia migliore. Dalla ricostruzione degli attentati che li assassinarono a distanza di meno di due mesi uno dall’altro, fino all’affermazione dello stato di diritto, ottenuta anche grazie al loro sacrificio.

#Rai, 28 anni fa Cosa Nostra uccideva #GiovanniFalcone, e #Capaci diventa il simbolo della sconfitta dello Stato

23 maggio 1992, nel tragitto da Punta Raisi a Palermo, all'altezza dello svincolo autostradale di Capaci, una esplosione di inaudita potenza investe la Fiat Croma blindata su cui viaggia il giudice Giovanni Falcone e le due auto della scorta. Falcone è, insieme a Borsellino, il simbolo della lotta dello Stato alla mafia, esemplificata dal maxiprocesso, che mette alla sbarra i più importanti boss di Cosa Nostra e termina, il 16 dicembre 1987, con la condanna per 360 dei 475 imputati. Nell’esplosione, perdono la vita Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti Rocco Dicillo, Vito Schifani, Antonio Montinaro.

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU