Questo sito contribuisce alla audience di globalist-logo
Libri: a Foggia la presentazione di "Covideocracy", di Carmine Castoro
"Cercherò di spiegare gli effetti antropologici, filosofici e massmediologici che la gestione del Covid ha portato nelle nostre vite".
(Prima Pagina News)
Mercoledì 21 Luglio 2021
Foggia - 21 lug 2021 (Prima Pagina News)
"Cercherò di spiegare gli effetti antropologici, filosofici e massmediologici che la gestione del Covid ha portato nelle nostre vite".
“Sarà senz’altro una bella serata in cui cercherò, in un confronto serrato col pubblico, di spiegare gli effetti antropologici, filosofici e massmediologici che la gestione sempre più azzardata e centralista del Covid ha portato nelle nostre vite. Accendendo i riflettori su una neanche tanto strisciante “dittatura sanitaria” che con l’obbligatorietà imminente del Green Pass sta erodendo diritti e facoltà che credevamo insopprimibili in uno Stato moderno”.

Parola di Carmine Castoro, filosofo della comunicazione, giornalista professionista, che venerdì alle ore 19 presso l’Auditorium di Parco Città presenterà "Covideocracy", la sua ultima fatica letteraria.

Castoro come autore televisivo ha firmato numerosi programmi per il palinsesto notturno della RAI e per canali Sky. Ha ricoperto incarichi alla Link Campus University di Roma e ai Master di Criminologia e Psicologia investigativa all’università di Foggia, e attualmente insegna Antropologia filosofica e Sociologia criminale e della devianza alla UCM di Malta.


Ospite in tante trasmissioni e Tg della Rai, di Canale5 e di La7 – “Linea Notte”, “Otto e mezzo”, “Uno mattina” fra i vari spazi nazionali dove è intervenuto – Castoro è da anni impegnato in una faticosa battaglia culturale contro la tv trash (alla De Filippi e D’Urso, per intenderci) e contro i regimi più recenti di “postverità” e manipolazione mediatica attraverso i new media e la Rete.

Incalza sulle politiche del Coronavirus: “Non sono state indagate le cause antropiche del virus visto solo come “flagello”, le responsabilità a livello di malasanità territoriale, la finanziarizzazione della medicina; nemmeno evidenziati i conflitti di interessi dei guru della Scienza, i raffronti con altre malattie in Italia e nel mondo, quest’anno e nei precedenti, lo smantellamento del Welfare, le logiche profittevoli di un infotainment che fa spettacolo pure su pazienti intubati e vecchietti agonizzanti. Si affaccia una terribile trigonometria delle democrazie in declino: governance fallimentari con rigurgiti totalitari, narrazioni stordenti e tremendiste, una dissociazione verticale fra libertà e sicurezza, verità e menzogna, storia e finzione”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Prima Pagina News

PPN
Prima Pagina News

APPUNTAMENTI IN AGENDA

SEGUICI SU